Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Come eseguire un patch test per la cura della pelle e perché è importante

dorso della mano in primo piano con un po' di crema sopra

Secondo l’Environmental Working Group (EWG), le donne usano in media 12 prodotti per la cura della pelle al giorno, pari a circa 168 ingredienti chimici. L’acquisto di un nuovo prodotto per la cura della pelle è piacevole e divertente, fino a quando non si prova un prodotto che non va d’accordo con la propria pelle, lasciandola arrossata, pruriginosa o irritata.

Se notate che la vostra pelle presenta irritazioni inspiegabili dopo aver sostituito un nuovo trattamento per la pelle, la colpa potrebbe essere dei suoi ingredienti.

Ecco perché gli esperti e i marchi di prodotti per la cura della pelle raccomandano un patch test prima di aggiungere una nuova formula al proprio regime.

Che cos’è un patch test?

In linea di massima, un patch test consiste nell’applicare un prodotto o un ingrediente su una piccola area della pelle e osservarne la reazione, spiega Nava Greenfield, MD, dermatologa certificata presso lo Schweiger Dermatology Group di New York City.

Il patch-testing dei prodotti vi aiuterà a identificare la reazione della vostra pelle a un nuovo prodotto prima di spalmarlo su tutta la pelle e di affrontarne le conseguenze.

Come potrebbe essere la reazione? Una reazione lieve potrebbe essere un piccolo arrossamento, afferma Joshua Zeichner, medico, direttore della ricerca cosmetica e clinica presso il Mount Sinai Hospital di New York. All’estremo, potreste ritrovarvi con qualcosa che lui considera grave, come “un’eruzione cutanea squamosa e pruriginosa che potrebbe richiedere la prescrizione di un farmaco per calmarla“.

Quindi, come si esegue un test a casa? E quando è meglio rivolgersi a un professionista? Qui vi spieghiamo tutto quello che c’è da sapere sui patch test per la cura della pelle, con la consulenza di esperti dermatologi certificati.

A cosa serve un patch test?

Un patch test serve a identificare se la pelle può reagire negativamente a un prodotto o a un ingrediente. Questo vi aiuterà a decidere se incorporare quel prodotto nel vostro regime di cura della pelle o se evitarlo del tutto.

Una reazione può suggerire un’allergia da contatto o una sensibilità al prodotto o all’ingrediente“, spiega il Dr. Greenfield. I segni di una reazione allergica includono eruzione cutanea, orticaria e scolorimento (arrossamento sulle carnagioni più chiare o marrone scuro, viola o grigio sulle carnagioni più scure), secondo la Food and Drug Administration (FDA) statunitense. È importante notare che anche la sensibilità può dare risultati simili.

Secondo il Dr. Zeichner, è possibile sviluppare uno dei due tipi di dermatite da contatto in risposta a un nuovo prodotto per la cura della pelle: dermatite da contatto irritante o dermatite da contatto allergica.

La prima causa una reazione “perché si utilizza un ingrediente aggressivo” che la chimica della pelle non è in grado di sopportare. D’altra parte, spiega, la dermatite allergica da contatto si verifica quando “un ingrediente del prodotto suscita una risposta immunitaria“.

Un patch test professionale può individuare gli allergeni, mentre un test casalingo meno completo può darvi un’idea di ciò a cui potreste essere allergici. Ma di questo parleremo più avanti.

Patch test a casa o dal medico: Qual è la differenza?

Il patch test può essere effettuato in due modi: in uno studio dermatologico o a casa. Ma si tratta di esperienze molto diverse.

La differenza principale tra il patch test casalingo e quello professionale è che la versione fai-da-te “può determinare se si è sensibili a un prodotto, ma non dice necessariamente se si tratta di un’allergia o di un’irritazione“, dice Zeichner.

Inoltre, non ci dice a quale ingrediente si sta reagendo in modo specifico“, continua Zeichner. “Se si utilizza un prodotto con un ingrediente attivo aggressivo, è possibile attribuire la reazione a quell’ingrediente attivo“, ma non è definitivo.

Il patch test professionale è tutta un’altra cosa. “Si tratta di una procedura che prevede l’applicazione di 80 o più cerotti adesivi sulla schiena del paziente“, spiega Zeichner. “Ogni cerotto contiene un singolo principio attivo comunemente associato a una reazione allergica della pelle, come profumi, coloranti e conservanti“.

I cerotti vengono lasciati in posa per 48 ore, quindi niente doccia mentre sono applicati“, continua Zeichner. “Poi si torna in studio, il dermatologo li rimuove e valuta la pelle per vedere se si sta sviluppando una reazione“.

Il verdetto? Un patch test a casa quando si acquista un nuovo trattamento per la pelle è una buona pratica standard per prevenire una reazione evitabile. Ma è comunque necessaria una procedura professionale per i casi sospetti di dermatite allergica da contatto.

Quali sono i prodotti da sottoporre a patch test?

Per quanto possa sembrare fastidioso, è necessario effettuare un patch test su ogni nuovo prodotto per la cura della pelle prima di introdurlo nella propria routine, afferma Zeichner.

Siete impazienti? Come minimo, fate un patch test prima di provare le formule contenenti ingredienti attivi, consiglia Zeichner, sottolineando che gli acidi esfolianti, la vitamina C e il retinolo sono i tre ingredienti potenzialmente più irritanti.

Per quanto riguarda ciò che si può fare a meno del patch test, il professionista afferma che le creme idratanti delicate (formule prive di profumo e di ingredienti attivi) “dovrebbero andare bene“.

Il risultato? È buona norma sottoporre a patch test tutti i prodotti, soprattutto quelli con principi attivi aggressivi. Dopo tutto, per voi e per la vostra pelle è meglio prevenire che curare.

Come eseguire un patch test per la cura della pelle

Per eseguire un patch test a casa, seguite la procedura descritta di seguito, come indicato da Zeichner.

  1. Pulite la zona della pelle dove applicherete il prodotto con il vostro detergente abituale e asciugatela;
  2. Applicare un po’ di prodotto davanti all’orecchio. (Il professionista ama che i pazienti facciano un patch test del prodotto sulla pelle del viso, dove lo useranno);
  3. Tenete sotto controllo quest’area della pelle per 24 ore e se durante questo periodo notate qualche segno di reazione avversa (come arrossamento, prurito o irritazione), lavate l’area con un detergente delicato e applicate un ingrediente protettivo per la pelle (optate per una crema o una lozione priva di profumo, perché è meno probabile che irritino la pelle, secondo l’American Academy of Dermatology Association).
  4. Se la vostra pelle sembra a posto, siete a posto.

Se l’unico sintomo è un po’ di rossore e siete ancora ansiosi di provare il prodotto, Zeichner consiglia un secondo giro di patch test. La volta successiva, suggerisce di applicare il prodotto con una crema idratante “per vedere se è meglio tollerato in questo modo“.

Se non è la prima volta che sviluppate un’eruzione cutanea e avete difficoltà a individuarne il motivo, potrebbe essere il momento di consultare il vostro dermatologo. Potrebbe ritenere necessario organizzare un patch test professionale per identificare il fattore esterno che sta causando la reazione.

Contenuto liberamente ispirato a https://www.everydayhealth.com/skin-beauty/how-to-do-a-skin-care-patch-test/