Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Perché l’esodo dei rifugiati venezuelani verso gli Stati Uniti è in accelerazione

bandiera del venezuela in primo piano

Le autorità statunitensi e messicane hanno recentemente annunciato una nuova politica che prevede l’espulsione verso il Messico dei venezuelani che entrano nel confine terrestre degli Stati Uniti, ma che consente a 24.000 persone del Paese di richiedere l’ingresso umanitario negli Stati Uniti per via aerea.

A seguito della nuova politica, migliaia di venezuelani che si pensava fossero in viaggio verso gli Stati Uniti sono ora bloccati tra i due Paesi in un anno in cui i venezuelani arrivano al confine con gli Stati Uniti in numero record.

Perché sono state introdotte le nuove misure?

Le misure rispondono in parte alle pressioni politiche esercitate sul Presidente degli Stati Uniti Joe Biden per frenare il numero record di attraversamenti illegali al confine tra Messico e Stati Uniti. I venezuelani sono stati uno dei gruppi più numerosi di migranti coinvolti in questi attraversamenti, in parte perché l’anno scorso Washington ha concesso lo status di protezione temporanea a coloro che si trovavano sul suolo statunitense. La deportazione dei venezuelani è inoltre più complicata rispetto a quella dei migranti di altre nazionalità perché i due Paesi hanno rotto le relazioni diplomatiche nel 2019, rendendo difficile l’organizzazione dei voli di deportazione.

Più di 150.000 venezuelani sono stati fermati al confine tra Stati Uniti e Messico tra ottobre 2021 e agosto 2022, rispetto ai quasi 48.000 dell’anno fiscale 2021, secondo i dati del governo statunitense. A settembre, oltre 33.000 venezuelani sono stati incontrati al confine tra Stati Uniti e Messico, un numero superiore a quello degli unici attraversatori provenienti dal Messico e a quello degli immigrati provenienti da Guatemala, El Salvador e Honduras messi insieme, secondo i dati del governo statunitense.

Cosa succede ora ai venezuelani in transito verso gli Stati Uniti?

Le persone in transito possono tentare di raggiungere gli Stati Uniti nonostante la quasi certezza di essere rispedite in Messico. Finora le autorità messicane hanno dato a molti di questi individui un termine massimo di due settimane per lasciare il Paese. Non è chiaro dove i venezuelani che aspettano in Messico potranno stare, dato che il sistema di accoglienza dei migranti messicano è spesso sovraccarico.

Alcuni potrebbero tornare in Venezuela, mentre altri potrebbero stabilirsi in altri Paesi dell’America Latina, dove in alcuni casi i migranti venezuelani hanno dovuto affrontare discriminazioni, opportunità di lavoro limitate e restrizioni al loro status di migranti.

Secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), metà della popolazione venezuelana rifugiata e migrante in America Latina e nei Caraibi non può permettersi tre pasti al giorno e non ha accesso a un alloggio, costringendo molti a ricorrere al lavoro sessuale o all’accattonaggio.

Cosa ha scatenato l’esodo venezuelano?

Sotto il defunto presidente Hugo Chavez, morto nel 2013, il Paese con le più grandi riserve di petrolio al mondo ha resistito alla corruzione e all’inflazione.

Poi, nel 2014, l’economia venezuelana è crollata a causa del crollo dei prezzi globali del petrolio e le condizioni di vita si sono ulteriormente deteriorate a causa dei rigidi controlli sui prezzi che hanno creato carenze diffuse. I prodotti hanno iniziato a sparire dagli scaffali dei negozi, mentre i mercati neri prosperavano con beni che andavano dall’olio da cucina alla farina di mais.

Nel 2018, l’inflazione in Venezuela ha superato l’1%. I farmaci per patologie come il mal di testa o il cancro non erano disponibili.

Contenuto liberamente ispirato https://www.reuters.com/world/americas/why-venezuelas-refugee-exodus-us-has-been-accelerating-2022-10-18/