Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Proteste in Iran: Le notizie di morti e detenzioni di bambini sono molto preoccupanti

polizia in tenuta anti-sommossa in primo piano

Un mese dopo lo scoppio delle manifestazioni in tutto l’Iran, la risposta violenta delle forze di sicurezza contro i manifestanti e le notizie di arresti arbitrari, uccisioni e detenzioni di bambini sono profondamente preoccupanti.

Secondo alcune fonti, ben 23 bambini sono stati uccisi e molti altri feriti in almeno sette province da munizioni vere, pallini metallici a distanza ravvicinata e pestaggi mortali. Le forze di sicurezza hanno fatto irruzione in diverse scuole e arrestato i bambini. Alcuni presidi sarebbero stati arrestati per non aver collaborato con le forze di sicurezza. L’11 ottobre, il ministro dell’Istruzione ha confermato che un numero imprecisato di bambini è stato inviato in “centri psicologici” dopo essere stato arrestato, presumibilmente per aver partecipato a proteste contro lo Stato.

In base ai trattati sui diritti umani accettati dall’Iran, la Repubblica islamica ha l’obbligo di proteggere il diritto alla vita dei bambini in qualsiasi circostanza e di rispettare e proteggere il loro diritto alla libertà di espressione e alla protesta pacifica.

Cosa sta succedendo in Iran

Oltre agli arresti di massa dei manifestanti, si è ricevuto notizie dell’arresto di almeno 90 membri della società civile, tra cui difensori dei diritti umani, avvocati, artisti e giornalisti. Il 12 ottobre, tre avvocati sono stati arrestati mentre manifestavano davanti all’ordine degli avvocati di Teheran.

Un gran numero di difensori dei diritti umani, giornalisti, studenti, avvocati, politici dell’opposizione e ambientalisti sono tra le persone detenute nella prigione di Evin a Teheran, dove il 15 ottobre è scoppiato un incendio. I dettagli dell’incidente non sono ancora chiari, ma sono state segnalate esplosioni e spari e i funzionari affermano che almeno otto prigionieri sono morti e 61 sono rimasti feriti. Alcuni prigionieri sarebbero stati picchiati dalle forze di sicurezza durante l’incidente e trasferiti in altri centri di detenzione.

Ribadiamo le preoccupazioni per i modelli di maltrattamento, tortura e negligenza medica dei prigionieri. Le violazioni del giusto processo, tra cui il mantenimento dei prigionieri in isolamento senza accesso a un avvocato, sono comuni.

Il continuo uso inutile e sproporzionato della forza contro i manifestanti deve cessare. L’arresto di persone solo per aver esercitato i loro diritti di riunione pacifica e libertà di espressione costituisce una privazione arbitraria della libertà. Chiediamo il rilascio immediato di tutte le persone detenute arbitrariamente. Inoltre, ricordiamo alle autorità che, in base al diritto internazionale, hanno l’obbligo di proteggere la salute e il benessere fisico e mentale dei detenuti e che qualsiasi uso della forza deve rispettare rigorosamente i principi di legalità, necessità, proporzionalità e non discriminazione.

Contenuto liberamente ispirato a https://www.ohchr.org/en/press-briefing-notes/2022/10/iran-protests-reports-child-deaths-detentions-are-deeply-worrying