Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

La famiglia dell’attivista egiziano detenuto organizza una protesta nel Regno Unito

cartelli di protesta in primo piano

Figura di spicco della rivolta del 2011 che ha rovesciato l’autocrate di lunga data Hosni Mubarak, il cittadino britannico è stato condannato a dicembre da un tribunale del Cairo a cinque anni di carcere dopo essere stato condannato insieme ad altre due persone per “diffusione di notizie false“.

Non mi sembra che siano stati fatti passi concreti per garantire il rilascio di mio fratello“, ha dichiarato la sorella di Abdel Fattah, Sanaa Seif, 28 anni, che intendeva accamparsi davanti al Foreign Office di Londra. “Mio fratello è in sciopero della fame perpetuo in Egitto, in una prigione egiziana, da ormai 200 giorni“, ha dichiarato all’AFP. “È molto fragile, l’ultima volta che mia madre lo ha visto sembrava uno scheletro“.

Ha chiesto al governo britannico di usare la sua influenza economica sull’Egitto per ottenere il suo rilascio. “Voglio essere qui per ricordare loro che Alaa sta morendo e che possono salvarlo. Non è difficile. Devono solo avere la volontà politica di farlo“, ha insistito la donna.

Tante le proteste in favore della scarcerazione

Alcune decine di sostenitori hanno partecipato alla protesta, alcuni portando cartelli con il logo di Amnesty International e un altro implorando il ministro degli Esteri James Cleverly di “riportare a casa mio fratello“.

Un’altra sorella, Mona Seif, continua a richiamare l’attenzione sulla situazione di quelli che secondo i gruppi per i diritti sono circa 60.000 prigionieri politici in Egitto. Da mesi sta raccogliendo lettere di sostegno dai legislatori europei.

Abdel Fattah ha ottenuto la cittadinanza britannica in aprile dall’interno del carcere, attraverso la madre di origine britannica Laila Soueif. L’allora ministro degli Esteri, ora primo ministro, Liz Truss, ha dichiarato a giugno che la Gran Bretagna “sta lavorando duramente per ottenere il suo rilascio“.

Il deputato laburista David Lammy ha avvertito che Abdel Fattah “sta perdendo salute, sta perdendo peso“. “Questa situazione si protrae ormai da troppo tempo“, ha dichiarato all’AFP. “Un’altra famiglia in disperato bisogno. E naturalmente non si dovrebbe ricorrere a un sit-in per attirare l’attenzione su questi problemi“.

Esorto il ministro degli Esteri James Cleverly a prendere atto di quanto viene detto e a fare tutto il possibile, nel suo ruolo di ministro degli Esteri, per portare la questione a una conclusione positiva“, ha aggiunto.

Contenuto liberamente ispirato a https://www.france24.com/en/live-news/20221018-family-of-detained-egyptian-activist-stage-uk-protest