Tra incudine e martello.

Troppi debiti, soluzioni, alternative.
Regole del forum
Il titolo dell'argomento deve rendere l'idea della problematica. Il titolo deve iniziare con la lettera maiuscola e terminare con il punto. Vietate le parole " Aiuto" e "Urgente"
Messaggio
Autore
alaba

Nuovo Utente
Messaggi: 6
Iscritto il: 22 set 2018, 0:57

Tra incudine e martello.

#1 Messaggio da leggere da alaba » 24 set 2018, 22:06

Buonasera, sintetizzo l'argomento.
2 anni fa ho scoperto di essere garante di un prestito da me mai firmato, presento denuncia hai carabinieri tramite avvocato , un anno fa la denuncia viene archiviata, rinuncio al mio diritto di fare ricorso.
Invio comunque la denuncia al Crif per la cancellazione, a Luglio mi risponde il Crif con una lettera in cui mi si dice che secondo le loro indagini il credito è valido.
Sento un secondo avvocato e mi consiglia di fare un causa civile con disconoscimento di firma, mi dice che a inizio settembre mi farà avere un preventivo ( non si fa piu' vivo).
poche settimane fa rinuncio a tutto e dico pago è basta ma prima di contattare la società di recupero crediti chiamo il centralino del crif per chiedere delle informazioni.
Contatto il centralino comunico il codice cliente e chiedo alla centralinista che intendevo pagare l'intero debito e quando non sarei stato piu' visibile nei loro sistemi, lei mi dice signore se paga ci rimette (non ci credo) mi spiega che ora come stanno le cose senza fare nulla io vengo liberato da crif dopo 36 mesi dalla data dell'ultimo aggiornamento che avverà il 31/12/2019, mi spiega che in caso di cambiamento di rapporto cioè in caso lei paga il credito da accordato le passerebbe in estinto e rimarrebbe segnalato in crif per altri 36 mesi, qui cade la linea.
Richiamo il crif e mi risponde un'altra persona rispiego la situazione aggiungendo che avevo già chiamato e mi erano state date le suddette informazioni ma questa nuova centralinista mi ribalta la situazione dicendo che verrò liberato nel 2023 in quanto la data di fine rapporto è prevista per il 2020 e che in caso io pago la mia storia creditizia ne gioverebbe.
Io non ci sto capendo niente e chiedo aiuto a voi vi ringrazio in anticipo per la lettura.

vi faccio qualche domanda:

1) dal punto di vista legale vale la pena andare avanti?

2) Quando verrò cancellato da Crif e Ctc?, e devo seguire l'ultimo aggiornamento o fine rapporto?

3) Posso accedere in caso ne avessi bisogno ad un credito pur essendo iscritto in crif e in ctc ?

Avatar utente
cagliostro49

Esperti
Messaggi: 27176
Iscritto il: 23 ott 2010, 21:03

Re: Tra incudine e martello 2

#2 Messaggio da leggere da cagliostro49 » 24 set 2018, 23:22

alaba ha scritto:
24 set 2018, 22:06
Buonasera, sintetizzo l'argomento.
2 anni fa ho scoperto di essere garante di un prestito da me mai firmato, presento denuncia hai carabinieri tramite avvocato , un anno fa la denuncia viene archiviata, rinuncio al mio diritto di fare ricorso.
Invio comunque la denuncia al Crif per la cancellazione, a Luglio mi risponde il Crif con una lettera in cui mi si dice che secondo le loro indagini il credito è valido.


Ovvio. Secondo il loro ragionamento (contorto ed in malafede) chiunque può fare prestiti,non pagarli e poi dire che non è stato lui.Ricordi caro amico che nessuno è più infìdo dei truffatori legali di lungo corso.

Sento un secondo avvocato e mi consiglia di fare un causa civile con disconoscimento di firma, mi dice che a inizio settembre mi farà avere un preventivo ( non si fa piu' vivo).
poche settimane fa rinuncio a tutto e dico pago è basta ma prima di contattare la società di recupero crediti chiamo il centralino del crif per chiedere delle informazioni.Contatto il centralino comunico il codice cliente e chiedo alla centralinista che intendevo pagare l'intero debito e quando non sarei stato piu' visibile nei loro sistemi, lei mi dice signore se paga ci rimette (non ci credo) mi spiega che ora come stanno le cose senza fare nulla io vengo liberato da crif dopo 36 mesi dalla data dell'ultimo aggiornamento che avverà il 31/12/2019, mi spiega che in caso di cambiamento di rapporto cioè in caso lei paga il credito da accordato le passerebbe in estinto e rimarrebbe segnalato in crif per altri 36 mesi, qui cade la linea.


Tutte pappardelle congelate e preconfezionate ad arte. I famigerati 36 mesi sono la più grande ""sòla"" studiata a tavolino da cervelloni di alto livello per far abboccare i pollastri. Da quelle blacklist non si esce mai. Nemmeno con una sentenza del Tribunale. E questo non poteva dirglielo certo una addetta al call center.Hanno carta bianca perchè nessuno li controlla e soprattutto grazie ad una legge superiore che chiude ogni discussione : i prestiti non sono obbligatori,per cui,non devono spiegazioni/giustificazioni a nessuno !


Richiamo il crif e mi risponde un'altra persona rispiego la situazione aggiungendo che avevo già chiamato e mi erano state date le suddette informazioni ma questa nuova centralinista mi ribalta la situazione dicendo che verrò liberato nel 2023 in quanto la data di fine rapporto è prevista per il 2020 e che in caso io pago la mia storia creditizia ne gioverebbe.
Io non ci sto capendo niente e chiedo aiuto a voi vi ringrazio in anticipo per la lettura.

Mi spiace,ma lei non può pretendere di capire meccanismi studiati appositamente per non èssere capiti. Il muro di gomma è stato messo in atto con sottile destrezza. Perciò i banchieri sono i padroni del mondo !

vi faccio qualche domanda:
1) dal punto di vista legale vale la pena andare avanti?


Assolutamente no ! E' una perdita di tempo. Le ripeto che anche con una sentenza,lei non sarebbe cancellato. E lo stratagemma è elementare. L'accesso alla videata viene fatto con apposite credenziali che sono in possesso dei comparielli che hanno ideato il sistema di spionaggio,cioè l'intero sistema finanziario. Chi accede può verificare l'intera sua vita finanziaria come gli ultimi 3 anni etc. Insomma è tutto a sua discrezione e lui può decidere pollice vero o pollice su, in base a quello che spia e vàluta in assoluta autonomia. Se la sentenza dicesse di cancellare il suo nome,loro lo cancellerebbero solo dalla videata ""in chiaro"" cioè quella che inviano a chi ne fa richiesta. Mentre quella riservata ""criptata"" è visibile solo a loro. Con buona pace del Tribunale........

2) Quando verrò cancellato da Crif e Ctc?, e devo seguire l'ultimo aggiornamento o fine rapporto?

Nossignore. Lei non sarà mai cancellato dalle blacklist. La reclusione è a tempo indeterminato,cioè a loro discrezione. Sono sempre loro a decidere se quella segnalazione di 10 anni fa (ad esempio) sarà invalidante o meno.

3) Posso accedere in caso ne avessi bisogno ad un credito pur essendo iscritto in crif e in ctc ?


Assolutamente no. Le consiglio di farsi un giro nel settore INDEBITATI-VADEMECUM (letture importanti consigliate) dove troverà qualche vademecum che le sarà assai utile per comprendere il meccanismo del gioco delle tre carte. Lo capirà dai titoli dei vari "vademecum" che accennano a CRIF et similia..........
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO E' LA RIBELLIONE !

Avatar utente
arnodorian

Utenti Pro
Messaggi: 4144
Età: 5
Iscritto il: 29 nov 2012, 19:26

Re: Tra incudine e martello 2

#3 Messaggio da leggere da arnodorian » 25 set 2018, 6:31

Dalle Black list o dal CRIF non si esce mai . Esempio andai fare una carta prepagata in una banca e bene con sorpresa la banca aveva tutti i miei dati per una operazione effettuata ben 11 anni fa in barba a legge 36 mesi .
Corrotti di merda davanti le ingiustizie inevitabile il conflitto .

Avatar utente
cagliostro49

Esperti
Messaggi: 27176
Iscritto il: 23 ott 2010, 21:03

Re: Tra incudine e martello 2

#4 Messaggio da leggere da cagliostro49 » 25 set 2018, 11:08

arnodorian ha scritto:
25 set 2018, 6:31
Dalle Black list o dal CRIF non si esce mai . Esempio andai fare una carta prepagata in una banca e bene con sorpresa la banca aveva tutti i miei dati per una operazione effettuata ben 11 anni fa in barba a legge 36 mesi .
11 anni.............!?!?!?! Sono niente di fronte a 28 anni !! ! L'anno scorso,assieme a mio cognato,ho constatato di persona che il Monte dei Paschi gli ha negato una carta prepagata per un insoluto risalente al 1989,insoluto che lui aveva completamente rimosso,ma la Banca..................no !

Ecco perchè la famigerata cortina fumògena dei 36 mesi,mi indispone.


doh doh
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO E' LA RIBELLIONE !

Avatar utente
Blues

Founder
Messaggi: 8259
Iscritto il: 20 ott 2010, 18:29
Località: Italia

Re: Tra incudine e martello 2

#5 Messaggio da leggere da Blues » 25 set 2018, 11:28

Comunque negare una prepagata, è semplicemente una manifestazione offensiva e di disprezzo nei confronti di un soggetto.
Come dire "Hai mangiato, bevuto e non hai pagato" Vai via cialtrone.
Deposita i 500mila € vinti al grattaevinci e non ti preoccupare, ti danno la carta oro a saldo.
Immagine

Claudio

Avatar utente
arnodorian

Utenti Pro
Messaggi: 4144
Età: 5
Iscritto il: 29 nov 2012, 19:26

Re: Tra incudine e martello 2

#6 Messaggio da leggere da arnodorian » 25 set 2018, 12:32

A me l anno data la carta .
Corrotti di merda davanti le ingiustizie inevitabile il conflitto .

Avatar utente
cagliostro49

Esperti
Messaggi: 27176
Iscritto il: 23 ott 2010, 21:03

Re: Tra incudine e martello 2

#7 Messaggio da leggere da cagliostro49 » 25 set 2018, 14:43

arnodorian ha scritto:
25 set 2018, 12:32
A me l anno data la carta .
Come sempre fanno come gli pare. A chi sì e a chi no.....ma assicuro lo spett.pubblico che dagli archivi bancari non si esce nemmeno post-mortem ! Infatti,anche se un discendente del reo (per una folle ipotesi) andasse in Banca col relativo certificato di morte,non avrebbero nessun obbligo di cancellarlo. A che servirebbe cancellare chi non può più nuòcere ? Requiescat in pace......... eheh.gif]


Immagine
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO E' LA RIBELLIONE !

alaba

Nuovo Utente
Messaggi: 6
Iscritto il: 22 set 2018, 0:57

Re: Tra incudine e martello.

#8 Messaggio da leggere da alaba » 26 set 2018, 0:42

Buonasera, grazie mille per le risposte.
Ma in caso mi servisse in futuro del denaro potrei chiedere la cessione del quinto?
Se pago il prestito la mia situazione nei confronti del crif migliorerebbe?

Avatar utente
EmaKun

Utente
Messaggi: 1272
Iscritto il: 8 gen 2015, 12:50

Re: Tra incudine e martello.

#9 Messaggio da leggere da EmaKun » 26 set 2018, 9:38

Ma in caso mi servisse in futuro del denaro potrei chiedere la cessione del quinto? <-- Cessione e deleghe sono quasi sempre chiedibili (serve cmq un minimo di anzianità in azienda) perchè copre lo stipendio, il TFR e assicurazione .

Se pago il prestito la mia situazione nei confronti del crif migliorerebbe? <-- Ma anche no e dubita di chi ti dice il contrario
-- = EmaKun = --

Et scribis , et disce

Avatar utente
lukeart70

Esperti
Messaggi: 11119
Iscritto il: 13 lug 2011, 17:24

Re: Tra incudine e martello.

#10 Messaggio da leggere da lukeart70 » 26 set 2018, 9:40

alaba ha scritto:
26 set 2018, 0:42
Buonasera, grazie mille per le risposte.
Ma in caso mi servisse in futuro del denaro potrei chiedere la cessione del quinto?
Se pago il prestito la mia situazione nei confronti del crif migliorerebbe?
Buongiorno
Una cosa importante non l'ha detta: entità debito :roll:
-----Bis peccare in bello non licet-----

Avatar utente
cagliostro49

Esperti
Messaggi: 27176
Iscritto il: 23 ott 2010, 21:03

Re: Tra incudine e martello.

#11 Messaggio da leggere da cagliostro49 » 26 set 2018, 11:12

alaba ha scritto:
26 set 2018, 0:42
Buonasera, grazie mille per le risposte.
Ma in caso mi servisse in futuro del denaro potrei chiedere la cessione del quinto?


Certo che sì. La cessione èsula dalle visure crif perchè il finanziamento viene erogato grazie alla garanzia scritta del terzo (azienda/ufficio) che trattiene la quota dal suo stipendio.

Se pago il prestito la mia situazione nei confronti del crif migliorerebbe?


Assolutamente no. Nello ""stòrico"" la segnalazione resta,ma chi accede alla videata,sempre a sua discrezione,nel verificare che l'insoluto è stato estinto/saldato/stralciato (seppur in ritardo)può decidere quello che gli pare......[

P.S. mi associo alla domanda dell'amico LUKE : ma la sua esposzione debitoria,a quanto ammonterebbe ????/color] shok
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO E' LA RIBELLIONE !

alaba

Nuovo Utente
Messaggi: 6
Iscritto il: 22 set 2018, 0:57

Re: Tra incudine e martello.

#12 Messaggio da leggere da alaba » 26 set 2018, 12:16

Ok spiego l'accaduto in dettaglio, nel 2015 un mio familiare apre un prestito di 5000 euro con una società finanziaria firma il finanziamento e invia la pratica, dopo una settimana chiama la società chiedendo al mio familiare la busta paga di una persona terza convivente solo come garanzia, invia la mia busta paga (io non sapevo nulla scoperto per puro caso nel 2016 ) ma non avendo firmato nulla a mio nome pensò che io non fossi coinvolto. (cosa sbagliata visto che mi ritrovo coobbligato e qualcuno della finanziaria a posto la mia firma)
fatto sta che lui non inizia a pagare questo prestito ed io mi ritrovo nei casini.
dopo una decina di mesi si presenta alla sua porta una società di recupero crediti, trovano un'accordo e attualmente sta pagando una cifra molto esigua per 6 anni [suicide.gif .
la cifra rimasta si aggira all'incirca sui 3000 euro che io intendo pagare , a patto che la mia situazione creditizia migliori sennò regalare io soldi per i casini degli altri non mi va.

Avatar utente
EmaKun

Utente
Messaggi: 1272
Iscritto il: 8 gen 2015, 12:50

Re: Tra incudine e martello.

#13 Messaggio da leggere da EmaKun » 26 set 2018, 13:53

a patto che la mia situazione creditizia migliori sennò regalare io soldi per i casini degli altri non mi va. <--- Ahime direi proprio di no, tieniti i soldi vah.
-- = EmaKun = --

Et scribis , et disce

Avatar utente
cagliostro49

Esperti
Messaggi: 27176
Iscritto il: 23 ott 2010, 21:03

Re: Tra incudine e martello.

#14 Messaggio da leggere da cagliostro49 » 26 set 2018, 14:42

alaba ha scritto:
26 set 2018, 12:16
Ok spiego l'accaduto in dettaglio, nel 2015 un mio familiare apre un prestito di 5000 euro con una società finanziaria firma il finanziamento e invia la pratica, dopo una settimana chiama la società chiedendo al mio familiare la busta paga di una persona terza convivente solo come garanzia, invia la mia busta paga (io non sapevo nulla scoperto per puro caso nel 2016 ) ma non avendo firmato nulla a mio nome pensò che io non fossi coinvolto. (cosa sbagliata visto che mi ritrovo coobbligato e qualcuno della finanziaria a posto la mia firma)fatto sta che lui non inizia a pagare questo prestito ed io mi ritrovo nei casini.

Che la firma apòcrifa l'avesse messa il suo familiare ci può stare (per modo di dire). Ma che l'abbia messa il gestore della bottegha finanziaria per approvare la pratica e guadagnarsi la sua provvigione,è davvero fuori luogo ! Ma per dimostrare il tutto,dovrebbe imbarcarsi in un contenzioso civile che costerebbe u occhio. E il gioco non vale la candela.......


dopo una decina di mesi si presenta alla sua porta una società di recupero crediti, trovano un'accordo e attualmente sta pagando una cifra molto esigua per 6 anni la cifra rimasta si aggira all'incirca sui 3000 euro che io intendo pagare , a patto che la mia situazione creditizia migliori sennò regalare io soldi per i casini degli altri non mi va.

ALABA
non ci si metta anche lei a dire le cose "a puntate" ! Se il parente ha raggiunto l'accordo e sta pagando mensilmente,perchè lei vuole pagare i 3.000 rimanenti ?


shok shok
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO E' LA RIBELLIONE !

alaba

Nuovo Utente
Messaggi: 6
Iscritto il: 22 set 2018, 0:57

Re: Tra incudine e martello.

#15 Messaggio da leggere da alaba » 2 ott 2018, 23:05

ALABA
non ci si metta anche lei a dire le cose "a puntate" ! Se il parente ha raggiunto l'accordo e sta pagando mensilmente,perchè lei vuole pagare i 3.000 rimanenti ?
Pensavo che pagando il prestito la "cancellazione o la riabilitazione", sarebbe stata piu' veloce.

Ma se chiedo la cessione del quinto e tra due anni mi licenziano o mi licenzio cosa succede alla cessione stessa?

Rispondi