Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Quattro modi per ispirare curiosità nei vostri studenti

bambino che alza la mano in una classe di studenti

In uno studio del 2018, i ricercatori hanno chiesto agli studenti delle elementari quali fossero le loro esperienze di “studenti curiosi” a scuola. Ma molti studenti hanno espresso sorpresa. “Nessuno è curioso di sapere cosa apprendiamo in classe. Dobbiamo solo fare tutto quello che gli insegnanti ci dicono di fare“, ha detto uno di loro.

In effetti, i bambini di questo studio non vedevano necessariamente il legame tra la curiosità e l’apprendimento: addirittura percepivano le proprie domande come disturbanti e sgradite.

Allo stesso tempo, anche noi adulti non lasciamo sempre molto spazio all’incertezza, all’apertura e all’esplorazione, sia che discutiamo dei meriti dell’apprendimento sociale ed emotivo, dei programmi di studio anti-razzismo o dell’ultima politica COVID a scuola.

In un sondaggio di Education Week del 2022, insegnanti, presidi e dirigenti distrettuali affermano che più della metà dei politici, dei genitori e dei tutori sono impegnati a pensare più in bianco e nero rispetto a tre anni fa (e meno della metà di questi educatori ammette di esserlo anche loro).

Ma c’è speranza: nonostante i limiti dei nostri ambienti scolastici, gli studenti di oggi sembrano ancora avere una mentalità più aperta di quella di noi adulti. Quindi, come possiamo aiutarli a mantenere la loro apertura e a liberare spazi per l’apprendimento e la comprensione piuttosto che per forme di pensiero rigide? Le ricerche sulla forza caratteriale della curiosità possono aiutarci ad alimentare l’apprendimento autentico, la connessione umana e la crescita personale.

Come la curiosità ci aiuta a imparare

Le ricerche suggeriscono che l’umiltà intellettuale e la curiosità vanno di pari passo, ed è logico: Quando siamo curiosi, vogliamo naturalmente saperne di più (“Chi è il nuovo studente che si è appena unito alla mia classe?”). Cerchiamo nuove informazioni o una maggiore comprensione quando sperimentiamo l’incertezza o una lacuna nella nostra conoscenza (“Come funziona questo robot?”).

E se siamo intellettualmente umili riguardo a questa incertezza, possiamo anche ammettere di non avere tutte le risposte, che le nostre convinzioni possono essere errate e le nostre conoscenze incomplete. Infatti, i ricercatori collegano l’umiltà intellettuale al desiderio di cercare nuove informazioni ed esperienze (“Non so, ma voglio scoprirlo!”).

Inoltre, le persone più curiose, aperte e umili hanno maggiori probabilità di perseverare in una sfida (come un dibattito etico, un esperimento scientifico confuso o un progetto di gruppo controverso), perché considerano le naturali interruzioni e ripartenze come opportunità di crescita, piuttosto che come fallimenti o errori.

In un recente studio condotto su 3.000 studenti di grandi città di 11 Paesi, i ricercatori hanno scoperto che la curiosità e la perseveranza predicevano con maggior forza il successo accademico sia in matematica che in lettura, sia per i bambini che per gli adolescenti.

Gli studi suggeriscono anche che l’umiltà intellettuale può ispirare gli studenti a cercare le sfide e a sforzarsi di superarle, un’altra strada verso un maggiore successo scolastico. L’umiltà può liberarci dal nostro ego, portando a un pensiero più aperto e flessibile, a una minore difesa e alla disponibilità a imparare dalle prospettive altrui. In altre parole, se un bambino si avvicina a un problema matematico apparentemente scoraggiante con un senso di incertezza e con il desiderio di imparare, non ha nulla da perdere, soprattutto se sa che può esplorare più percorsi per arrivare a una soluzione con il sostegno dell’insegnante e dei compagni.

Insieme, la curiosità e l’umiltà possono stimolare la nostra passione per l’apprendimento e aprirci naturalmente alle prospettive altrui, ma come possiamo attingere alla curiosità e promuovere un senso di umiltà nelle nostre classi? Ecco quattro strategie basate sull’evidenza per incoraggiare l’umile curiosità a scuola.

Praticare l’ascolto con interesse

Nella mia rassegna di ricerche, ho scoperto quello che ritengo essere il legame più chiaro tra curiosità e umiltà: l’ascolto. Infatti, il ricercatore Michael Lehmann e il suo team hanno recentemente sviluppato una pratica di ascolto che ha portato a una maggiore umiltà. Ecco la chiave: Quando i partecipanti allo studio ascoltavano con curiosità, “come se l’oratore stesse raccontando loro le cose più interessanti che avessero mai sentito“, entrambi i membri della coppia sperimentavano un aumento dell’umiltà (con l’ascoltatore che riferiva una maggiore umiltà rispetto all’oratore).

Pensate a cosa si prova quando un genitore, un amico, un parente o un collega vi offre tutta la sua attenzione. Cosa si prova quando sembrano assolutamente affascinati da ciò che avete da dire? Per me è disarmante. Il mio corpo si rilassa, mi sento più a mio agio e pieno di energia: mi sento più capace di essere “me stesso”. Se vogliamo che i nostri studenti si sentano più a loro agio con le incertezze e le sfide intellettuali, dobbiamo creare spazi che siano di supporto, incoraggino la sicurezza psicologica e rafforzino il senso di fiducia.

Nel mio lavoro con i professionisti dell’istruzione, ho anche scoperto che ritagliare segmenti di tempo (in genere da cinque a dieci minuti a persona) per ciascun membro di una coppia (o di una triade) per parlare senza interruzioni o giudizi può essere incoraggiante e profondamente gratificante per tutti.

Sottolineare il valore delle domande

Naturalmente, se siamo ascoltatori profondamente curiosi, tendiamo anche a fare domande più autentiche, e le domande genuine riflettono un’umile curiosità. Le domande che invitano all’esplorazione tendono a iniziare con le parole “come” o “perché” o “può descrivere…”? Aprono la conversazione piuttosto che chiuderla con un sì o con un no, o con quelle spiacevoli domande guida come “Perché non ti sei arrabbiato?” o “Non hai considerato l’altra opzione?”.

Se volete promuovere questo senso di esplorazione gioiosa nella vostra classe, le domande sono strumenti potenti del vostro mestiere.

In uno studio recente, i bambini che hanno letto con un insegnante robot “curioso” (e peloso) che poneva domande e domande hanno ottenuto punteggi più alti nei “compiti di curiosità ed esplorazione” rispetto agli studenti che hanno appreso informazioni simili dallo stesso robot “non curioso”. Cosa diceva il robot? Cose come “Mi chiedo cosa succederebbe se…” o “Mi chiedo cosa farai ora” o “Questa è una parola fantastica da conoscere. Che cos’è?“.

In conclusione, il linguaggio che usiamo come insegnanti e studenti può influenzare in modo significativo la nostra curiosità e i nostri atteggiamenti nei confronti dell’apprendimento.

Sulla base della loro ricerca sulla curiosità, Jamie Jirout e i suoi colleghi hanno creato uno strumento di osservazione della classe chiamato “Curiosity in Classrooms Framework” (Quadro di riferimento per la curiosità nelle classi), in cui vengono evidenziati semplici modi per elevare le domande nelle nostre classi. Eccone alcuni:

  • Scrivere gli obiettivi di apprendimento come domande (“Gli studenti capiranno la fotosintesi come processo” diventa “Che cos’è la fotosintesi? Come possiamo dimostrarci a vicenda che abbiamo capito come funziona?”);
  • Generate altre frasi e domande come spunti per il diario o per la discussione. (“Quando ho successo a scuola, ….” o “Come si presenta l’ascolto attivo? Come si fa a sapere che qualcuno ti sta davvero ascoltando?”);
  • Fate in modo di usare più domande aperte che chiuse quando facilitate le discussioni (ad esempio, “Come hai risolto il problema n. 5?” piuttosto che “Qual è la risposta al problema n. 5?”);
  • Sollecitate più domande da parte degli studenti, in generale (ad esempio, invece di chiedere agli studenti se hanno altre domande da porvi, chiedete loro: “Chi può condividere altre domande che potremmo fare per conoscere questo [personaggio, esperimento scientifico, evento storico]?”).

Attingere allo stupore per incoraggiare l’esplorazione

Se le domande possono stimolare la curiosità, lo “stupore” può favorire un senso di umiltà. Tendiamo a provare stupore quando incontriamo qualcosa di più grande di noi che sfida la nostra percezione del mondo – e cose come la natura, la musica, l’arte e l’architettura di solito evocano un senso di stupore.

Un campeggio notturno pieno di stelle, un concerto rock o una visita online a Google Earth possono ispirare stupore, facendoci sentire più piccoli, più aperti alle prospettive degli altri, più curiosi e persino più generosi. Le persone che assaporano esperienze fantastiche tendono anche ad avere una visione più equilibrata dei propri punti di forza e di debolezza e gli studi dimostrano che i loro amici tendono a considerarle più umili degli altri.

Ecco alcuni suggerimenti per suscitare lo stupore – e l’apprezzamento per la meraviglia – nella vostra classe (tratti dalla ricerca in classe di Jirout e Sharon Zumbrunn).

  • Rallentate per sperimentare lo stupore: “Prendetevi qualche minuto per osservare questa [immagine, videoclip, opera d’arte]. Cosa notate? Che cosa provate?”;
  • Sollecitate gli studenti a individuare una gamma più ampia di prospettive o di percorsi di risoluzione dei problemi: “Chi ha visto o fatto qualcosa di diverso?”. “Potete condividere un altro modo di affrontare questa sfida?”;
  • Fate leva sullo stupore per incoraggiare l’esplorazione di nuove idee, materiali e modi di pensare: “Questo è incredibile. Come si può saperne di più?”.

Normalizzare l’incertezza

Sebbene lo stupore possa essere un’esperienza o un sentimento bellissimo, non siamo certo socializzati a fare festa con l’umiltà, soprattutto nelle culture occidentali. Ammettere di non sapere significa non avere il controllo. Persino il mio pratico thesaurus di Microsoft Word associa la parola “umile” a parole come “mite”, “strisciante” e “umiliante”.

Lo psicologo Martin Covington ricorda che la paura incombente di fallire influenza direttamente il nostro senso di autostima, la convinzione fondamentale del nostro valore. Se non ci sentiamo più a nostro agio con un po’ di incertezza, tuttavia, continueremo a ricorrere ai ring intellettuali in un mondo invaso da opinioni non richieste.

Come aiutare i bambini a sentirsi a proprio agio con l’incertezza? Iniziate con un modello. “Non conosco la risposta a questa domanda. Dove possiamo trovarla?“. “A volte perdo il filo del discorso quando cerco di risolvere un problema o di leggere un paragrafo. Anch’io mi confondo, e questo fa parte del processo. Come possiamo risolverlo insieme?“.

Quando creiamo un clima in cui gli studenti si sentono sicuri di commettere errori e di non conoscere le risposte, facciamo spazio all’umiltà e al desiderio di saperne di più. L’umile curiosità può quindi permetterci di impegnarci di più e di correre qualche rischio in più. Se crediamo di poter imparare di più, crescere e cambiare (il cuore della “mentalità di crescita”), saremo più propensi a perseverare.

In uno studio recente, i bambini delle elementari che hanno imparato a risolvere i puzzle con un robot “alla pari” chiamato “Tega” si sono trovati più d’accordo con le convinzioni sulla mentalità di crescita rispetto agli altri studenti. Cosa diceva Tega? Cose come “Sceglierò [questo puzzle] perché sembra impegnativo“, “Non ho paura delle sfide. Mi piace” o “Ti sei impegnato molto. È questo che conta“.

È molto più sicuro credere di sapere esattamente come fare qualcosa o perché gli altri fanno (o dicono) le cose che fanno, ma non porta necessariamente a una crescita intellettuale o a relazioni migliori. Se crediamo che le nostre idee non possano evolvere e che le persone non possano cambiare, ricadiamo subito in un pensiero fisso e rigido, che ci può allontanare dagli altri.

La curiosità, insieme a una sana dose di umiltà, ci apre all’esplorazione, all’apprendimento e alla crescita. E dà agli altri la possibilità di fare lo stesso.

Contenuto liberamente ispirato a https://greatergood.berkeley.edu/article/item/four_ways_to_inspire_humble_curiosity_in_your_students