Giugno 27, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Quattro modi in cui le scuole possono supportare al meglio i bambini

scuola e bambini

Al di là del semplice insegnamento accademico, le scuole possono favorire lo sviluppo degli studenti nelle loro relazioni, identità, abilità emotive e benessere generale.

Attualmente, il nostro sistema educativo si concentra spesso su una piccola parte dello sviluppo cognitivo dei bambini, con un’enfasi sulla trasmissione della conoscenza dei contenuti, spesso da memorizzare e ripetere nella stessa forma in cui è stata ricevuta. Le lezioni di matematica, scienze e lettura – e i test su queste competenze – dominano il curriculum.

Mentre queste materie sono fondamentali, l’apprendimento implica molto di più della semplice acquisizione di conoscenze inerti in algebra o chimica. Un’attenzione così ristretta non tiene conto dei modi in cui i bambini hanno bisogno di crescere e imparare nelle loro relazioni, identità, comprensione emotiva e benessere generale. Dopo tutto, i bambini sono esseri multidimensionali “interi” il cui sviluppo è complesso e ricco.

Recenti ricerche nelle neuroscienze, nelle scienze dello sviluppo e dell’apprendimento, nell’educazione, nella sociologia e in molti altri campi confermano che un approccio ” intero al bambino” non solo è auspicabile ma necessario per assicurare che i bambini imparino bene. Secondo due revisioni complete della scienza sullo sviluppo e l’apprendimento dei bambini:

  • Lo sviluppo del cervello è plasmato da relazioni coerenti e di sostegno, da comunicazioni reattive e dalla modellazione di comportamenti produttivi. La capacità del cervello si sviluppa più pienamente quando i bambini e i giovani si sentono emotivamente e fisicamente sicuri e quando si sentono connessi, impegnati e sfidati.
  • L’apprendimento è sociale, emotivo e accademico. Le relazioni positive, compresa la fiducia nell’insegnante, e le emozioni positive, come l’interesse e l’eccitazione, aprono la mente all’apprendimento. Le emozioni negative, come la paura del fallimento, l’ansia e i dubbi su se stessi, riducono la capacità del cervello di elaborare le informazioni e imparare. I bambini possono costruire abilità e consapevolezza per lavorare con le emozioni in se stessi e nelle loro relazioni.
  • Le avversità – povertà, insicurezza abitativa e alimentare, abusi o abbandono – producono uno stress tossico che colpisce l’apprendimento e il comportamento, ma il modo in cui le scuole rispondono è importante. Relazioni positive e stabili – quando gli adulti hanno la consapevolezza, l’empatia e la competenza culturale per capire e ascoltare i bambini – possono tamponare gli effetti di avversità anche gravi.

Al Learning Policy Institute, come parte di una nuova iniziativa sulla Scienza dell’apprendimento e dello sviluppo, sono stati sintetizzati questi risultati scientifici per identificare come le scuole possono promuovere al meglio lo sviluppo dei bambini. Sono stati identificati quattro ingredienti principali del successo scolastico che permettono di curare e nutrire il potenziale in tutti i bambini: un clima scolastico positivo, strategie didattiche produttive, sviluppo socio-emotivo e supporti individualizzati. Ecco perché questi ingredienti sono significativi e come metterli in azione.

1. Favorire un ambiente di sostegno che promuova forti relazioni tra il personale, gli studenti e le famiglie

In un recente sondaggio nazionale, solo il 30% degli studenti delle scuole superiori ha valutato positivamente la cultura della propria scuola. Molte scuole oggi sono basate su progetti antiquati dei primi anni del 1900 che emulano il modello di fabbrica, in cui gli studenti girano ciclicamente per le classi e gli insegnanti vedono centinaia di studenti al giorno. Queste strutture spersonalizzano l’apprendimento in un momento in cui gli studenti hanno bisogno e beneficiano di relazioni a lungo termine con insegnanti e compagni.

Creare un clima scolastico positivo basato su relazioni forti fornisce una base per l’apprendimento. Gli studenti hanno bisogno di sentire un senso di sicurezza e di appartenenza per poter prosperare a scuola. Alcuni elementi che promuovono un senso di comunità e permettono agli insegnanti di conoscere bene i loro studenti includono:

  • Scuole e classi più piccole.
  • Corsi a rotazione, in cui gli insegnanti rimangono con gli stessi studenti per più di un anno.
  • Classi di consulenza che forniscono agli studenti una comunità e permettono agli insegnanti di controllare studenti e genitori in modo costante.
  • Personale che pratica la competenza culturale, invitando le esperienze degli studenti in classe e comunicando che tutti gli studenti sono apprezzati.
  • Visite a domicilio e incontri regolari genitori-insegnanti-studenti per rafforzare i legami tra scuola e casa.
  • Opportunità di collaborazione del personale e di leadership che rafforzino la fiducia tra gli educatori

Per esempio, un modo per aiutare gli studenti a sentirsi parte della comunità è quello di coinvolgerli nello sviluppo delle loro norme di classe condivise che vengono pubblicate e a cui si fa riferimento regolarmente, e di assegnare compiti in classe in modo che ogni studente sia coinvolto nel sostenere la comunità. Gli insegnanti possono anche puntare a trasmettere alte aspettative e fornire adeguati supporti a tutti gli studenti, inviando il messaggio che sono capaci. Questo è particolarmente importante per gli studenti che hanno ricevuto messaggi contrastanti o scoraggianti sulle loro capacità dagli adulti in passato, a causa di pregiudizi espliciti o impliciti.

Una varietà di altre pratiche può aiutare a costruire un senso di comunità. Le passeggiate comunitarie, in cui gli studenti guidano i tour dei quartieri che circondano la loro scuola, possono aiutare a costruire la competenza culturale tra gli educatori mentre imparano di più sulla vita degli studenti al di fuori della scuola. Le riunioni di pianificazione che includono educatori di diverse materie e dipartimenti, e lo sviluppo professionale per sostenere le competenze socio-emotive e il benessere degli educatori stessi, possono aiutare gli educatori a collaborare e sviluppare la fiducia.

In generale, un clima scolastico positivo mira a favorire relazioni più profonde tra adulti e studenti per promuovere un senso di sicurezza e di appartenenza, che sono favorevoli all’apprendimento.

2. Implementare pratiche didattiche significative e coinvolgenti che sviluppino la capacità degli studenti di gestire il proprio apprendimento

Nei focus group e nelle interviste con gli studenti che hanno abbandonato la scuola superiore in 25 comunità urbane, suburbane e rurali, quasi la metà (47%) ha detto che una delle ragioni principali per abbandonare la scuola era che le classi non erano interessanti. Questi giovani hanno riferito di essersi annoiati e disimpegnati dalla scuola superiore. Anche tra coloro che sono rimasti a scuola, l’81% ha detto che ci dovrebbero essere più opportunità di apprendimento nel mondo reale.

Gli studenti bramano l’opportunità di imparare cose importanti e rilevanti per la loro vita. L’istruzione aiuta gli studenti a crescere nella loro comprensione quando si basa sull’esperienza precedente degli studenti e sostiene l’apprendimento incontrandoli dove si trovano. Per esempio, gli insegnanti possono collegare le lezioni di matematica a compiti comuni in cui gli studenti sono impegnati che utilizzano quelle abilità, come in cucina, nel lavoro artistico, nello sport e in altri contesti. Oppure possono collegare un’unità di storia sul movimento dei diritti civili a questioni moderne come gli attacchi a sfondo razziale a Charlottesville e la brutalità della polizia contro le persone di colore.

Se abilmente combinato con l’istruzione diretta, l’apprendimento basato sull’indagine che è guidato dagli interessi degli studenti aumenta la loro motivazione e sviluppa competenze del mondo reale. In una classe della scuola media di Oakland, per esempio, gli studenti hanno deciso di studiare come l’inquinamento ambientale colpisce l’oceano e poi hanno progettato una campagna per ridurre i rifiuti e l’immondizia e aumentare il riciclaggio nella loro scuola. Questi progetti insegnano preziose abilità di collaborazione, risoluzione dei problemi e organizzazione, e hanno un impatto tangibile.

Le valutazioni che includono feedback e opportunità di rivedere il lavoro aiutano gli studenti a imparare come imparare e incoraggiano un desiderio intrinseco di capire il materiale e sfidare se stessi, al di là del semplice raggiungimento del voto. Questo tipo di “approccio orientato alla padronanza” è associato ad un apprendimento più significativo. Per esempio, alcune scuole coltivano le capacità di indagine e di revisione degli studenti attraverso progetti di ricerca di un anno, che danno agli studenti l’opportunità di imparare profondamente su un problema che li riguarda e, spesso, di lavorare per creare un cambiamento nella loro comunità. Questi progetti sono di solito rivisti per soddisfare un alto standard di indagine e presentati a gruppi di educatori e altri adulti esterni alla scuola, come la difesa di una tesi di laurea.

Il controllo degli studenti sulla propria istruzione è anche supportato da pratiche come le conferenze guidate dagli studenti, che permettono agli studenti di condividere regolarmente il loro lavoro con genitori e insegnanti e di riflettere sul loro apprendimento e sui loro obiettivi.

Lungi dall’essere noiose, le strategie didattiche efficaci collegano l’apprendimento alla vita degli studenti e li mettono in grado di usare la loro conoscenza a beneficio proprio e degli altri.

3. Sviluppare abitudini, abilità e mentalità che costruiscono le competenze sociali, emotive e accademiche degli studenti

Gli studenti negli Stati Uniti riferiscono di sentirsi stressati a scuola l’80% del tempo. Quando gli studenti sono sopraffatti, è più probabile che si comportino male e abbiano difficoltà ad adattarsi a scuola. Infatti, i bambini nelle scuole pubbliche americane hanno perso più di 11 milioni di giorni di lezione a causa delle sospensioni in un solo anno scolastico.

Sviluppare le abilità socio-emotive degli studenti insegna loro a gestire lo stress, mentre aumenta anche le abilità sociali come la collaborazione e l’empatia. In questo modo, le abilità socio-emotive comportano lo sviluppo di una maggiore consapevolezza di se stessi e degli altri. Molte scuole insegnano queste abilità esplicitamente attraverso programmi di apprendimento socio-emotivo, che sono stati trovati per migliorare i risultati degli studenti, così come i loro sentimenti di sicurezza e di appartenenza a scuola.

Inoltre, per ridurre le sospensioni e altre discipline punitive nelle scuole, le scuole stanno usando pratiche riparative, come i “cerchi” e la mediazione tra pari, che insegnano agli studenti ad assumersi la responsabilità e a riparare i danni fatti nelle loro relazioni. Un approccio riparativo si basa sul fatto che gli studenti riconoscono e valorizzano il loro ruolo e le loro responsabilità all’interno della comunità. In definitiva, le pratiche riparative servono a costruire competenze individuali e a coltivare una comunità più forte, aumentando anche i risultati degli studenti e i tassi di laurea.

4. Creare un sistema integrato di supporti scolastici che includa opportunità di apprendimento estese e partnership con la comunità

Non tutti i bambini hanno il capitale materiale e sociale che permette l’accesso ad ambienti ed esperienze di apprendimento di alta qualità. Per esempio, i genitori ad alto reddito hanno aumentato la loro spesa in “attività di arricchimento” per i loro figli, come il tutoraggio e le attività extracurricolari, del 151% negli ultimi decenni, rispetto al 57% dei genitori a basso reddito. Queste differenze aumentano il divario di risultati tra gli studenti benestanti e quelli a basso reddito.

Ulteriori supporti sono necessari anche per il crescente numero di bambini che sperimentano avversità sotto forma di povertà, senzatetto, insicurezza alimentare, ostacoli all’apprendimento o mancanza di assistenza sanitaria. Le scuole hanno bisogno di un sistema flessibile di supporti per affrontare queste necessità.

Il modello delle scuole comunitarie è quello in cui le scuole pubbliche collaborano con le famiglie e le organizzazioni della comunità per fornire opportunità educative a tutto tondo e supporto per il successo scolastico degli studenti. Di solito include arricchimenti prima e dopo la scuola, come il tutoraggio e il supporto accademico, così come opportunità di apprendimento estivo, come laboratori di cinema e arte, campi sportivi e viaggi a lunga distanza per visitare i campus dei college. Alcune scuole collaborano con organizzazioni locali e personale universitario per offrire esperienze di immersione in cui gli studenti imparano da professionisti attraverso stage o laboratori su argomenti di interesse, come la tecnologia, il cinema e l’arte.

Inoltre, attraverso partnership con organizzazioni della comunità, le scuole offrono servizi sanitari, mentali e sociali per aiutare gli studenti a superare le barriere all’apprendimento. Un assistente sociale o un responsabile della comunità in genere coordina questi servizi. Alcune scuole collaborano con programmi universitari, così come con fornitori di salute e salute mentale, per portare tirocinanti (come gli studenti di psicologia) nella scuola come personale di supporto.

Questi tipi di supporto riflettono un approccio di tutta la scuola allo sviluppo dell’intero bambino che massimizza le opportunità di successo per tutti i bambini.

Combinati, questi quattro ingredienti sono parti essenziali di un quadro completo che, in pratica, si costruiscono e si rafforzano a vicenda. Un gran numero di ricerche dimostra che un’educazione di successo non può avvenire in modo frammentario. Un approccio integrato può aiutare i bambini, con tutta la loro complessità e umanità, a sviluppare il loro pieno potenziale.

Contenuto liberamente ispirato da https://greatergood.berkeley.edu/article/item/four_ways_schools_can_support_the_whole_child