Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Quali sono i modi migliori per prevenire il bullismo nelle scuole?

ragazzo di spalle seduto su una panchina con la testa china

Il bullismo si verifica ovunque, anche nelle scuole più prestigiose, e fa male a tutte le persone coinvolte, da chi ne è vittima a chi ne è testimone, e persino ai bulli stessi. Ottobre è il Mese nazionale della prevenzione del bullismo, quindi è un buon momento per chiedersi: Quali sono le migliori pratiche per prevenire il bullismo nelle scuole? È una domanda che ho esplorato con il mio collega Marc Brackett del Centro per l’Intelligenza Emotiva di Yale, in un recente lavoro che ha esaminato decine di studi sulle iniziative di prevenzione del bullismo nel mondo reale.

Come abbiamo scoperto, non tutti gli approcci alla prevenzione del bullismo sono ugualmente efficaci. La maggior parte dei programmi di prevenzione del bullismo si concentra sulla sensibilizzazione al problema e sulla somministrazione di conseguenze.

Ma i programmi che si basano su punizioni e tolleranza zero non si sono dimostrati efficaci e spesso colpiscono in modo sproporzionato gli studenti di colore. Programmi come la mediazione tra pari, che attribuiscono ai ragazzi la responsabilità di risolvere i conflitti, possono aumentare il bullismo. (Alle vittime adulte di abusi non viene mai chiesto di “risolvere i conflitti” con il loro aguzzino, e i bambini hanno un diritto legale aggiuntivo di protezione a causa del loro stato di sviluppo).

L’intervento degli osservatori, anche tra gli adulti, funziona solo per alcune persone: gli estroversi, gli empatici e le persone con uno status sociale e un impegno morale più elevati. Molti approcci adottati dagli educatori non sono stati valutati dalla ricerca; gli educatori tendono invece a scegliere i programmi in base a quelli utilizzati dai loro colleghi.

Abbiamo trovato due approcci testati dalla ricerca che mostrano le maggiori promesse per ridurre il bullismo (insieme ad altre forme di aggressione e conflitto). Si tratta di un clima scolastico positivo e dell’apprendimento sociale ed emotivo.

Costruire un clima scolastico positivo

Il clima scolastico può essere difficile da definire, anche se è possibile misurarlo. È la “sensazione” di trovarsi in una scuola, che può derivare da un saluto, dal modo in cui viene risolto un problema o da come le persone lavorano insieme; è il “cuore e l’anima” di una scuola, la sua qualità e carattere“. Le scuole con un clima positivo favoriscono uno sviluppo sano, mentre un clima scolastico negativo è associato a tassi più elevati di bullismo, aggressività, vittimizzazione e sensazione di insicurezza degli studenti.

Gli elementi di un clima positivo possono variare, ma spesso includono norme sui sentimenti e sulle relazioni, sul potere e sulla sua espressione e sul consumo dei media. L’ingegneria delle norme sociali è un processo consapevole che costruisce una cultura positiva tra i coetanei degli studenti e gli adulti della scuola che si auto-rinforza. Come un sistema immunitario sano, un clima scolastico positivo promuove una salute ottimale e riduce le possibilità di disfunzioni o malattie.

La leadership è la chiave di un clima positivo. Il bullismo viene minimizzato come un “normale rito dell’infanzia” o viene riconosciuto come un dannoso abuso tra pari? I dirigenti sono consapevoli del fatto che il bullismo grave e ininterrotto può avere conseguenze negative per tutta la vita sui bersagli dei bulli, sui bulli e sui testimoni? I dirigenti scolastici si impegnano a promuovere la salute psicologica positiva di tutti i bambini o si concentrano eccessivamente sulla punizione dei comportamenti scorretti? Sono in grado di discernere tra i processi di sviluppo tipici che necessitano di una guida e il bullismo che richiede un intervento assertivo? Gli educatori sono empatici nei confronti dei loro studenti e danno valore ai sentimenti dei bambini?

Inoltre, gli insegnanti sono preparati ad affrontare il bullismo? Gli studenti riferiscono costantemente che gli insegnanti non si accorgono della maggior parte degli episodi di bullismo e non aiutano gli studenti quando viene loro richiesto. La maggioranza degli insegnanti dichiara di sentirsi impreparata ad affrontare il bullismo in classe. Alcuni insegnanti sono essi stessi vittime di bullismo o mostrano una mancanza di empatia nei confronti dei bambini vittime di bullismo. Gli insegnanti riferiscono di aver ricevuto poche indicazioni sulla “gestione della classe” e a volte si rifanno alle strategie disciplinari che hanno imparato in famiglia quando sono cresciuti.

Tuttavia, la riforma del clima scolastico dovrebbe coinvolgere tutte le parti interessate – studenti e genitori, ma anche amministratori e insegnanti – in modo da poter affrontare i problemi specifici di una scuola e mantenere il sapore delle culture locali. Le valutazioni del clima scolastico possono essere completate periodicamente per monitorare l’impatto dei miglioramenti.

Promuovere l’apprendimento sociale ed emotivo

L’apprendimento sociale ed emotivo (SEL) è ben noto e prevede l’insegnamento di abilità di autoconsapevolezza, autogestione, consapevolezza sociale, presa di decisione responsabile e gestione delle relazioni.

Gli approcci SEL basati sull’evidenza hanno dimostrato di fornire risultati solidi ed efficaci dal punto di vista dei costi. Numerose meta-analisi, revisioni di ricerche e studi individuali su centinaia di migliaia di studenti dei K-12 dimostrano che il SEL migliora il benessere emotivo, l’autoregolazione, le relazioni in classe e il comportamento gentile e disponibile degli studenti. Riduce una serie di problemi come l’ansia, il disagio emotivo e la depressione; riduce i comportamenti dirompenti come i conflitti, l’aggressività, il bullismo, la rabbia e i pregiudizi di attribuzione ostile; migliora i risultati scolastici, la creatività e la leadership.

Uno studio condotto su 36 insegnanti di prima elementare ha dimostrato che quando gli insegnanti sostenevano maggiormente gli studenti dal punto di vista emotivo, i bambini erano meno aggressivi e avevano un maggiore autocontrollo comportamentale, rispetto all’uso della gestione del comportamento, che non migliorava l’autocontrollo degli studenti.

Una meta-analisi ha mostrato che lo sviluppo della competenza emotiva proteggeva dal diventare vittima di bullismo; la competenza sociale e il rendimento scolastico proteggevano dal diventare un bullo; e le interazioni positive tra pari proteggevano dal diventare una vittima di bullismo (una persona che è stata vittima di bullismo e che fa il bullo con gli altri).

Anche gli insegnanti traggono beneficio dal programma SEL. Quelli che hanno una formazione sulle competenze emotive e sociali hanno una maggiore soddisfazione lavorativa e un minore burnout, mostrano emozioni più positive nei confronti dei loro studenti, gestiscono meglio le loro classi e usano più strategie che coltivano la creatività, la scelta e l’autonomia dei loro studenti. Gli insegnanti riferiscono di volere un maggiore supporto SEL per coltivare le proprie competenze emotive e sociali e per comprendere meglio i sentimenti dei loro studenti. Ma pochi programmi di formazione per insegnanti si concentrano sulla crescita delle loro capacità di regolazione delle emozioni.

Le scuole non possono farcela da sole

Anche le famiglie sono importanti. Il bullismo nelle scuole a volte nasce da pratiche genitoriali rigide o dal bullismo tra fratelli a casa.

Anche il ruolo dei genitori è importante. Gli adulti sperimentano il bullismo sul posto di lavoro più o meno allo stesso ritmo dei bambini nelle scuole, e si riscontra persino tra gli insegnanti e nelle comunità di anziani. In altre parole, il bullismo non è solo un problema infantile, ma un problema umano pervasivo. E i bambini non sono al riparo dal mondo sociale più ampio: il bullismo nei confronti dei bambini che appartengono a gruppi presi di mira nel discorso politico nazionale ha registrato un’impennata nei parchi giochi di tutta la nazione.

In definitiva, abbiamo bisogno di un cambiamento sostanziale nella nostra mentalità riguardo all’importanza dei bambini e dei loro sentimenti. I bambini hanno maggiori probabilità di prosperare quando nutriamo la loro umanità e offriamo loro un linguaggio, delle strategie e dei valori che li aiutino a identificare, esprimere e, quindi, a regolare i loro sentimenti. Quando genitori, insegnanti e amministratori acquisiscono una nuova consapevolezza delle complesse radici del bullismo e adottano nuove strategie per affrontarlo, le scuole possono aprire la strada. I ragazzi contano su di noi.

Contenuto liberamente ispirato a https://greatergood.berkeley.edu/article/item/what_are_the_best_ways_to_prevent_bullying_in_schools