Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Cosa pensano gli insegnanti dell’uso della tecnologia da parte di bambini e ragazzi

insegnante alla lavagna che sorride agli alunni

Cellulari, computer, social media e internet fanno parte della vita quotidiana di bambini e ragazzi, anche a scuola. Le preoccupazioni sui rischi di un uso eccessivo dello schermo o di attività online per i bambini e i giovani sono state mitigate dalla realtà dell’uso della tecnologia nell’istruzione e nel tempo libero.

Anche l’esperienza di vita durante la pandemia, quando molte attività scolastiche e di socializzazione sono state svolte online, ha cambiato l’atteggiamento nei confronti dell’uso della tecnologia. L’ente regolatore delle comunicazioni britannico Ofcom ha riferito che nel 2020 solo una minoranza di bambini e giovani non andava online o non aveva accesso a Internet.

Gli insegnanti si trovano in una posizione unica quando si tratta di valutare come i bambini e i ragazzi utilizzano la tecnologia, come i telefoni cellulari, e l’effetto che ha su di loro. Vedono come i bambini e i ragazzi usano la tecnologia per imparare, socializzare e come influisce sulle loro relazioni con i coetanei.

Otto insegnanti di diversa provenienza, età, anni di esperienza professionale e tipo di istituto scolastico di tutto il Regno Unito hanno condotto una ricerca approfondita, chiedendo agli insegnanti quali fossero le loro esperienze sull’uso della tecnologia da parte di bambini e ragazzi: come pensavano che influisse sulle loro emozioni, sul comportamento e sull’apprendimento sia prima che durante la pandemia.

Gli insegnanti hanno parlato dell’importanza della tecnologia come strumento di classe e di apprendimento e delle opportunità che offre per la creatività. Come ha detto un insegnante: “È quello a cui i bambini sono abituati e che li coinvolge maggiormente: è uno strumento utile che può arricchire il nostro insegnamento“.

Potenziamento attraverso la tecnologia

Hanno anche riscontrato che gli insegnanti erano ottimisti sul ruolo che la tecnologia poteva svolgere nel potenziamento dei bambini e dei giovani. Uno di loro ha detto:

Usano i siti di social network per imparare gli uni dagli altri e per esprimere le loro convinzioni – anche i bambini che sono silenziosi in classe, trovano più facile esprimersi online“.

I partecipanti ritengono che i bambini e i ragazzi possano imparare a capire e a riconoscere i segnali di un uso non sano della tecnologia a partire dalle loro stesse emozioni e dal loro stesso comportamento quando usano la tecnologia. Ciò include la dimostrazione di empatia e attenzione attraverso l’osservazione di come si sentono loro e gli altri. Un insegnante ha affermato che i bambini e i ragazzi stavano diventando più compassionevoli e offrivano il loro aiuto agli amici che mostravano segni di disagio attraverso i loro post online.

Tuttavia, alcuni insegnanti hanno espresso preoccupazione per il modo in cui l’interazione online influisce sulle competenze sociali di bambini e ragazzi. Un insegnante ha detto:

Non sanno come avere conversazioni corrette con i loro amici. Non sanno come risolvere i problemi, perché è facile essere cattivi dietro uno schermo e non doverli risolvere“.

Gli insegnanti hanno anche sottolineato i problemi legati al disimpegno dall’uso della tecnologia. Un insegnante ha dichiarato:

I genitori devono lottare continuamente per allontanare i figli dagli schermi e il giorno dopo sono esausti e hanno difficoltà a portarli a scuola perché i bambini sono così stanchi“.

Educare sull’uso corretto della tecnologia

Gli insegnanti hanno spiegato come incoraggiano gli alunni a partecipare a sport di squadra per favorire la comunicazione faccia a faccia e la risoluzione dei conflitti. Tuttavia, mentre la sicurezza online e l’uso di Internet vengono in parte trattati a scuola, le indicazioni su come convivere con la tecnologia, essere resilienti di fronte alle sfide e usare la tecnologia in modo equilibrato potrebbero essere insegnate in modo più esplicito.

L’Associazione PHSE – un organismo nazionale per l’educazione personale, sociale, sanitaria ed economica – offre una guida sulla sicurezza online e sulle competenze per il curriculum, come i potenziali danni della pornografia, ma c’è molto spazio per sviluppare un approccio più ampio per sostenere un uso sano della tecnologia.

In classe, ciò potrebbe essere semplice come lavorare su come prendere decisioni informate sull’uso della tecnologia, come ad esempio essere più cauti se l’attività online implica parlare con estranei, o riconoscere se trascorrere del tempo online è un grande impegno di tempo. Potrebbe includere l’uso di post sui social media come esempi reali per incoraggiare bambini e ragazzi a essere informati, critici e resilienti nei confronti dei contenuti che probabilmente vedranno e con cui interagiranno.

Gli insegnanti ritengono che l’aggiunta della sicurezza online al programma di studi sarebbe preziosa, così come l’offerta di opportunità per bambini e ragazzi di parlare delle loro esperienze e dei contenuti della tecnologia. Un insegnante ha detto:

Ci sono dei predatori là fuori e discutiamo di sicurezza online con i miei studenti, ma alcune cose dovrebbero far parte del curriculum e anche i genitori dovrebbero accedervi“.

Gli insegnanti hanno sottolineato che anche loro hanno bisogno di supporto per le loro conoscenze sulla tecnologia e hanno suggerito che questo aspetto dovrebbe essere maggiormente incorporato nella formazione degli insegnanti. Un insegnante ha detto:

Dobbiamo stare al passo con i tempi e se c’è qualcosa che questa pandemia ci ha insegnato è che non tutti stanno al passo… una formazione una tantum non è adeguata, le scuole devono investire in attività di sviluppo professionale continuo legate alla tecnologia“.

I bambini e i giovani possono trarre notevoli benefici dalla tecnologia, ma essa comporta anche dei rischi. Una maggiore attenzione al modo in cui gli insegnanti possono affrontare questo aspetto a scuola può essere un modo prezioso per aiutare i bambini e i ragazzi a comprendere e bilanciare il loro tempo online.

Contenuto liberamente ispirato a https://theconversation.com/what-teachers-think-of-children-and-young-peoples-technology-use-185232