Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Cosa intendono i bambini quando dicono di annoiarsi a scuola?

ragazza annoiata affacciata alla finestra

Da piccola amavo così tanto la scuola che nei fine settimana giocavo a “fare scuola”. Alle elementari, preparavo i miei orsacchiotti e insegnavo loro a leggere. Inventavo test di matematica per i My Little Pony e li interrogavo con le apposite schede. Quando gli amici venivano a trovarci, scrivevamo storie e a turno facevamo l’insegnante, correggendole.

Nella mia mente ingenua, pensavo che tutti gli studenti amassero imparare quanto me. Solo alle scuole medie mi sono resa conto che c’era un folto gruppo di miei coetanei che pensava che la scuola fosse “noiosa” e non vedeva l’ora che finisse.

Aspetta… non tutti erano entusiasti di colorare le loro agende e di fare i compiti? Chi l’avrebbe mai detto?

Il mio profondo amore per l’apprendimento si è evoluto in una carriera di studio della psicologia dell’apprendimento, come psicologa scolastica. In questo ruolo, tendo a lavorare con bambini che mi dicono di odiare la scuola e di trovarla noiosa. I ragazzi vengono indirizzati a me quando hanno scarsi risultati o difficoltà, e il mio lavoro consiste nel capire perché.

Una delle prime attività che svolgo con gli studenti è un compito di completamento della frase per scoprire come pensano e si sentono riguardo alla scuola e a se stessi come studenti. Io fornisco l’inizio della frase e loro la completano con la prima cosa che viene loro in mente:

  • La cosa che amo della scuola è…
  • La cosa che odio della scuola è…
  • La scuola è…

Molti studenti in difficoltà dicono che la cosa che amano è “niente“, quella che odiano è “tutto” e che la scuola è “noiosa”.

Il mio primo istinto è quello di “Pinkie Pie”. Per coloro che non hanno familiarità con i My Little Pony, Pinkie Pie è il pony estremamente positivo che ha una sola impostazione: “Evviva!!!” Cade da una cascata insidiosa e, dopo una frazione di secondo di paura, passa rapidamente a “Wheeeeee! E’ divertente!” Colpire un iceberg con la sua barca? Pinkie Pie è entusiasta di avere dei cubetti di ghiaccio in frantumi per il suo drink.

Quando i bambini dicono di trovare la scuola noiosa, vorrei tanto convincerli che la scuola è Fantastica! Altri potrebbero avere l’istinto di respingere l’affermazione, dicendo che la noia è comune e da aspettarsi a scuola. Gli adulti benintenzionati possono cercare di normalizzare il fatto che la noia è qualcosa che fa parte della scuola e della vita: alcune cose saranno noiose di tanto in tanto. Tuttavia, entrambi questi istinti presuppongono che la sfida sia effettivamente la noia.

Cosa significa veramente “noioso”

Nel corso degli anni ho imparato che “noioso” ha un significato molto diverso per ogni studente e devo scavare più a fondo. “Noioso” è la punta dell’iceberg: è ciò che lo studente dice in superficie, ma le ragioni di fondo possono essere più complesse.

Un recente studio condotto da Michael Furlong e dai suoi colleghi fa luce su ciò che gli studenti possono realmente intendere quando riferiscono di annoiarsi a scuola. Invece di considerare la noia come limitata a una particolare materia o classe, hanno studiato gli studenti che riferiscono atteggiamenti scolastici sfavorevoli più ampi, o una “mentalità di noia scolastica“.

I ricercatori hanno scoperto che uno studente su otto delle scuole medie e superiori esprimeva forti convinzioni negative sulla scuola, descrivendola come noiosa e di scarso valore. Secondo la revisione della letteratura, la noia scolastica può essere un segnale di mentalità interna, di situazioni esterne o di una sfida emotiva più profonda:

  • problemi con la materia o con la richiesta di compiti (eccesso di sfide)
  • Bisogno di maggiori o nuove fonti di stimolo (essere sotto-sfiduciati)
  • Interesse o motivazione limitati per una particolare materia
  • Una mancata corrispondenza tra le capacità dello studente e l’abilità richiesta per completare un compito.
  • Scarsa percezione del valore di ciò che viene insegnato.
  • Disimpegno e insoddisfazione
  • Impotenza e tristezza
  • Depressione, ansia, apatia

I ricercatori fanno anche una distinzione tra le esperienze di noia come stato temporaneo (questa classe/argomento/situazione è noiosa) e un tratto più stabile (un modello generale di esperienza di noia a scuola e nella vita). Si tratta di un aspetto importante, poiché quest’ultimo è associato a un minore benessere e al disimpegno scolastico. Furlong e i suoi colleghi hanno scoperto che gli studenti che rientravano in questa categoria presentavano un benessere generale sostanzialmente inferiore rispetto ai loro coetanei. È più probabile che riportino una minore soddisfazione nella loro vita, una minore appartenenza alla scuola e minori risorse socio-emotive come la fiducia in se stessi.

Come aiutare con la “noia”

Che cosa possono fare gli adulti se sospettano che la noia sia un segno di un problema cronico che influisce sul benessere di uno studente? Ecco alcuni modi per valutare la gravità del problema.

  • Invece di dare per scontato che si sappia cosa significa “noia”, fare domande aperte come: “Puoi spiegare cosa intendi per “noia”?”. O semplicemente: “Dimmi di più“;
  • Per capire se la noia è pervasiva o situazionale, chiedete se si tratta di un problema “sempre” o “qualche volta”. Per esempio, si può chiedere: “Ci sono momenti della giornata scolastica in cui non ti annoi?“;
  • Per scoprire se si tratta di un problema recente o continuo, chiedete: “Quando la scuola ha cominciato a sembrarvi noiosa?“. Spesso gli studenti riferiscono che la scuola è diventata “noiosa” a un certo livello, quando è diventata più difficile, il che può indicare che la “noia” può essere un meccanismo di protezione (in altre parole, è più facile dire che una cosa è noiosa piuttosto che è troppo difficile e hai bisogno di aiuto).

È anche importante ricordare che il comportamento è comunicazione. Quando si nota la “punta dell’iceberg” di comportamenti come le ripetute lamentele sulla scuola, la testa sul banco, l’assenteismo o il disimpegno, è importante “controllare sotto la linea di galleggiamento” per individuare altre sfide del funzionamento socio-emotivo.

È possibile che la frase “mi annoio” non sia di per sé un motivo di preoccupazione, ma una serie di atteggiamenti forti e negativi nei confronti della scuola e della vita in generale può giustificare un ulteriore intervento con un professionista della salute mentale.

Quindi, cosa possono fare genitori ed educatori una volta che hanno sbirciato sotto la linea di galleggiamento per capire se la noia è un sentimento passeggero o un segno di una sfida più grande?

Se la noia sembra essere uno stato passeggero o superficiale, gli adulti possono riorientare la discussione, passando dalla noia come “emozione negativa” a una “emozione naturale” che tutti sperimentiamo di tanto in tanto. In effetti, la noia può avere effetti positivi, come ad esempio stimolare la creatività e la risoluzione dei problemi e stimolare la capacità dello studente di persistere di fronte a un compito banale (come possono testimoniare gli adulti, un’abilità importante!). Infatti, come suggeriscono Furlong e i suoi colleghi, le conversazioni sulla noia possono essere utilizzate per educare gli studenti alla motivazione, all’impegno e alle strategie di coping. Queste conversazioni possono a loro volta attingere alla consapevolezza di sé degli studenti e migliorare l’impegno.

Se la noia sembra essere un sintomo di un problema più profondo, sappiate che anche il solo fatto di entrare in contatto e ascoltare le preoccupazioni di uno studente con una calda considerazione positiva può essere protettivo. Secondo le ricerche, il contatto con un adulto positivo può proteggere i ragazzi dallo stress. Una conversazione empatica e il tentativo di capire il punto di vista di uno studente possono rafforzare la sua capacità di recupero e di chiedere aiuto. Queste conversazioni possono anche portare a mettere in contatto lo studente con un professionista della salute mentale o del sostegno all’apprendimento, come uno psicologo scolastico.

Spero sinceramente che possiamo ispirare gli studenti a prosperare a scuola attraverso un processo di ascolto, empatia e risoluzione dei problemi legati alla noia. Forse non finiranno per amare la scuola a tal punto da giocare a scuola nei fine settimana come facevo io da bambina… ma uno psicologo scolastico di Pinkie Pie può ancora credere che tutti gli studenti possano trovare la gioia nell’apprendimento.

Contenuto liberamente ispirato a https://greatergood.berkeley.edu/article/item/what_do_kids_mean_when_they_say_theyre_bored_at_school