Giugno 27, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Educazione inclusiva: una porta verso una società più equa

educazione inclusiva

Le scuole e gli asili giocano un ruolo importante nella formazione degli atteggiamenti dei bambini. Le scuole veramente inclusive instillano la comprensione e il rispetto per la differenza.

Un gran numero di prove sulla “teoria del contatto” lo sostiene. Il contatto continuo e ripetuto, a condizioni almeno uguali, tra le persone attraverso le differenze che “contano” – come religione, razza o disabilità – migliora gli atteggiamenti.

In questo momento l’attenzione è sugli impatti ineguali del coronavirus (COVID-19). In tutto il mondo, l’UNESCO ha scoperto che i divari sociali e digitali hanno messo gli alunni più svantaggiati a rischio di perdite di apprendimento e di abbandono.

Nel Regno Unito, l’Alliance for Inclusive Education (ALLFIE) ha sollevato la preoccupazione che alcuni alunni disabili possano essere trasferiti in scuole speciali – senza un chiaro percorso di ritorno; e alcuni genitori di bambini disabili stanno cercando di sostenere l’apprendimento a casa senza le attrezzature necessarie e il supporto all’apprendimento.

Con il ritorno degli studenti, è il momento giusto per pianificare a lungo termine la “vera inclusione”, per aiutare a superare alcuni scismi di vecchia data – e più recenti – nella nostra società.

Uno dei maggiori ostacoli all’educazione inclusiva – dove tutti i bambini appartengono e possono prosperare – è la mancanza di convinzione che sia possibile.

È il momento giusto per pianificare a lungo termine la “vera inclusione”.

Poco prima della chiusura, più di 800 persone da tutto il mondo si sono riunite a Vienna per la conferenza Zero Project – e hanno mostrato che, almeno per quanto riguarda l’inclusione delle persone disabili, questo pessimismo è fuorviante.

La direttrice Marleen Clissen dal Belgio ha descritto la sua scuola elementare in una zona svantaggiata: con una visione di ‘ogni bambino è il benvenuto’ (e nessuno viene rifiutato), hanno cercato il talento di ogni alunno e lo hanno sostenuto attraverso un percorso di apprendimento individuale. Hanno coinvolto i genitori, modificato il curriculum e cambiato completamente i metodi di insegnamento – per includere gruppi flessibili di età mista, con almeno tre insegnanti per ogni gruppo di 40 – e creato una cultura in cui tutti appartengono.

Il Progetto Zero ha identificato altre politiche e pratiche innovative e inclusive. Alcune erano altamente tecniche – come un’applicazione brasiliana che permette ai bambini incapaci di comunicare verbalmente di farlo attraverso il touch screen di un tablet, lampeggiando se necessario; o una biblioteca virtuale americana che offre 775 libri in cinque diversi formati accessibili, come il braille elettronico.

Alcuni erano specifici per la disabilità – come una scuola materna che è inclusiva dei bambini autistici in Canada, o una scuola spagnola che implementa un ambiente privo di rumore, con tutti gli insegnanti addestrati nella lingua dei segni – e dove si dice che gli studenti udenti e non udenti sono stati in grado di imparare meglio.

Altri esempi sono stati sistematici. La formazione di migliaia di insegnanti in pratiche inclusive è stata una strategia fondamentale in paesi che vanno dall’India al Senegal, dal Mozambico a Zanzibar.

Un curriculum che includa le identità e le esperienze di tutti è importante per l’appartenenza. In Pennsylvania, Disability Equality in Education offre piani di lezione inclusivi che portano una dimensione di disabilità nelle materie, dalla storia alla matematica.

Per ristabilire la cultura, le scuole hanno introdotto workshop per costruire la fiducia dei genitori nell’inclusione, formazione per i presidi, campioni di inclusione all’interno delle scuole e altro ancora.

Un certo numero di paesi ha strategie nazionali o impegni intergovernativi per l’istruzione inclusiva, tra cui la Giordania, le Filippine e Samoa. In Italia, ogni scuola ha un gruppo di lavoro per l’inclusione e il personale di supporto per attuarla è aumentato in modo significativo. In Bulgaria, il programma “una scuola per tutti” sostiene le scuole con cambiamenti di cultura, politiche e pratiche.

E se, al tempo di COVID-19, le scuole usano un mix di apprendimento fisico e a distanza e cercano di superare i divari digitali, potrebbero guardare all’approccio a distanza del Camerun, originariamente ideato per gli sfollati a causa del conflitto armato, che ora si sta dimostrando popolare tra gli studenti disabili. Non dipende dall’accesso a Internet.

Naturalmente, il progresso è stato discontinuo; e mentre molti di questi programmi mostrano risultati impressionanti, non tutti sono stati pienamente valutati. Ma c’è uno slancio guidato dagli Obiettivi di sviluppo sostenibile e dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità. Alcuni paesi sono passati dall’educare a malapena i bambini disabili a un approccio inclusivo; altri hanno destrutturato le scuole speciali (spesso importate dall’Occidente).

Il Progetto Zero elenca otto paesi con il maggior numero di politiche e pratiche positive identificate. La lista non include, nonostante alcuni esempi notevoli, il Regno Unito. Ma forse ci sono opportunità per prendere slancio.

Il dibattito sta crescendo qui su cosa sia l’educazione: non solo i risultati accademici, ma anche l’esperienza, la qualità, l’inclusione e la cittadinanza. Il movimento Black Lives Matter ha ri-stimolato l’interesse per una revisione radicale del nostro curriculum, per creare una comprensione più completa della nostra storia, favorire l’uguaglianza – e sviluppare cittadini che si rispettino a vicenda.

C’è un momento meraviglioso in un filmato della scuola Eastlea di Londra in cui un ragazzo disabile spiega che il suo piccolo gruppo si assicura sempre che tutti capiscano l’ultimo apprendimento – perché il loro insegnante di scienze aveva detto loro che ‘non siete qui solo per aiutare voi stessi, ma per aiutarvi a vicenda’. L’educazione è, forse, permettere a tutti di crescere e svilupparsi attraverso l’interdipendenza e il rispetto reciproco.

L’educazione inclusiva deve essere inclusiva per tutti – bambini disabili e non, bambini di diverse origini, nazionalità, orientamenti sessuali e altro.

Ed è realizzabile, come ci mostra il Progetto Zero, con una visione chiara, cambiamenti in ciò che viene misurato, migliore formazione degli insegnanti e apprendimento pratico.

Contenuto liberamente ispirato da https://www.equalityhumanrights.com/en/our-work/blogs/inclusive-education-gateway-more-equal-society