Giugno 27, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Attivisti dei diritti umani in Ucraina chiedono una risposta rapida

attivisti ucraina

Gli attivisti dei diritti umani in Ucraina stanno raccontando a Human Rights First l’impatto immediato su di loro dell’invasione russa, e cosa vogliono dagli Stati Uniti.

Human Rights First per molti anni ha condotto ricerche in Ucraina e ha lavorato con i difensori dei diritti umani (HRD) in Ucraina documentando come la Russia abbia alimentato una guerra nella regione orientale del Donbas in Ucraina, attaccato la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina ed espropriato la proprietà pubblica e privata nella Crimea annessa.

Nel 2018, Oleksandra Ustinova del Centro d’azione anticorruzione ucraino (AntAc) e io abbiamo scritto un op-ed di Newsweek, delineando come l’occupazione russa della regione del Donbas, più i problemi di corruzione dell’Ucraina, stavano danneggiando il paese.

Ora lei è un membro del parlamento ucraino e mi ha detto: “È l’obbligo morale di tutti i paesi democratici di stare con l’Ucraina al di là delle dichiarazioni, con azioni reali. Forti sanzioni dovrebbero essere applicate immediatamente. Queste dovrebbero includere sanzioni personali contro gli oligarchi della cerchia ristretta di Putin e i loro familiari”.

La richiesta di impedire alle banche russe di accedere al sistema SWIFT è stata ripresa da Nadia Dobrianska, un’attivista di Kyiv. Mi ha detto che ha portato i suoi genitori da Kyiv in campagna per la loro sicurezza, ma anche lì stava aspettando l’arrivo di missili russi nelle ore dopo che abbiamo parlato. “Gli Stati Uniti devono imporre sanzioni”, mi ha detto, “il regime di Putin dovrebbe essere sanzionato fino all’età della pietra”.

I leader della società civile ucraina hanno lanciato un appello al Congresso degli Stati Uniti con una lista di sanzioni che vogliono imporre agli oligarchi russi, e la designazione della “Russia di Putin come sponsor statale del terrorismo”.

Iryna Fedoriv della ONG anti-corruzione e buon governo Chesno Movement ha chiesto alla comunità internazionale di imporre un “embargo totale” alla Russia. “Siamo stanchi di leggere di promesse di sanzioni, stiamo perdendo persone in questo momento. Alcuni paesi ci hanno dato garanzie, e le loro promesse non significano nulla. Vogliamo vedere fatti concreti. Abbiamo bisogno di più supporto militare”.

Tetiana Shevchuk dell’Anti-Corruption Action Center ha detto: “Siamo impegnati a trasferire il nostro staff e a cercare di far capire ai nostri contatti internazionali che non abbiamo solo bisogno di preghiere e solidarietà, ma di azioni reali, compreso il sostegno militare. Finora sembra che stiamo combattendo questa battaglia da soli. L’Ucraina sta resistendo e prevarrà, ma il costo umano sta diventando ogni giorno più alto”.

Alcuni di coloro che lavorano nelle ONG si preoccupano anche del fatto che il sostegno finanziario internazionale per il loro lavoro sui diritti umani potrebbe ora essere tagliato, e i donatori nel governo degli Stati Uniti e altrove dovrebbero rassicurare gli HRD locali che il sostegno rimarrà.

Lyudmila Yankina della ONG ZMINA Human Rights Center mi ha inviato un video alle 4.30 del mattino dal rifugio antiatomico di Kiev dove stava passando la notte. “Ci sono forti esplosioni sopra di noi ora”, ha detto. “Cercheremo di continuare a lavorare e documentare le vittime civili in tutto il paese. Putin dice che punirà chiunque abbia una narrativa anti-russa, e forse avremo bisogno di un po’ di sicurezza fisica in più”.

Inna Ivanenko è direttore esecutivo di Patients of Ukraine, una ONG anti-corruzione con cui Human Rights First ha lavorato per molti anni. Mi ha detto che è fuggita in un villaggio a 90 miglia da Kiev con due bambini piccoli. “Non so se siamo al sicuro qui, non sai se un razzo colpirà la tua casa o no. Dovremo nasconderci negli scantinati se saremo attaccati”.

Se gli attivisti dei diritti umani vogliono fuggire dall’Ucraina, gli Stati Uniti e altri governi dovrebbero aiutarli. Nel suo rapporto del 2020 al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, il relatore speciale delle Nazioni Unite sui difensori dei diritti umani, Michel Forst, raccomanda che i governi sostengano i difensori dei diritti umani nelle zone di conflitto, e “facilitino le iniziative nazionali, regionali e internazionali di trasferimento… anche attraverso procedure flessibili e politiche dei visti, [e] assicurino che queste siano ugualmente accessibili ai difensori indipendentemente dal loro sesso e tengano conto della loro situazione familiare o di altre circostanze”.

Il governo polacco ha finora risposto positivamente alla prospettiva degli attivisti ucraini per i diritti umani e altri che fuggono dall’invasione russa. L’eminente avvocato polacco per i diritti umani Marta Gorczynska ha twittato che le autorità polacche hanno assicurato che le persone che fuggono attraverso il confine dal conflitto in Ucraina saranno ammesse in Polonia, e stanno indirizzando le persone che non hanno un posto dove stare ai centri di accoglienza. Promettono di fornire un alloggio temporaneo, “un pasto caldo, bevande, assistenza medica di base e un posto per riposare”.

È qualcosa di pratico almeno, ma quello che i difensori dei diritti umani ucraini vogliono è una risposta internazionale su larga scala, immediata e coordinata per salvare il loro paese.

Contenuto liberamente ispirato da https://www.humanrightsfirst.org/blog/human-rights-activists-ukraine-call-swift-response