Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Il rapporto dell’IPCC su impatti, adattamento e vulnerabilità dei cambiamenti climatici

foresta con alberi abbattuti

Ogni sei-sette anni, il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC), un consorzio internazionale di scienziati convocato dalle Nazioni Unite, pubblica un ampio rapporto in tre parti che riassume gli attuali progressi nella comprensione scientifica del cambiamento climatico e dei suoi impatti.

La seconda parte dell’ultimo rapporto (nota come Working Group II), pubblicata il 28 febbraio 2022, si concentra sull’impatto dei cambiamenti climatici sui sistemi umani e naturali e su come tali impatti cambieranno in futuro. Scritto da 270 autori e da 675 autori di 67 Paesi, il rapporto riassume oltre 34.000 articoli scientifici e offre un chiaro promemoria del fatto che, mentre i leader aziendali sono giustamente concentrati sull’invasione russa dell’Ucraina, sulla conseguente crisi umanitaria e sulle perturbazioni a breve e medio termine dei mercati energetici, queste priorità devono essere prese in considerazione insieme all’imperativo della transizione a zero emissioni e dell’adattamento agli inevitabili rischi climatici a breve termine.

Cambiamento climatico sta già avendo un impatto sull’uomo

Il Gruppo di lavoro II si concentra sul continuo riscaldamento del clima, determinato dalle emissioni umane di gas serra. La prima parte del nuovo rapporto IPCC, Working Group I, pubblicato il 9 agosto 2021, ha illustrato come i modelli climatici si siano dimostrati notevolmente accurati nel prevedere il riscaldamento del pianeta da quando sono state sviluppate le prime versioni, oltre 50 anni fa. Questo ultimo contributo del Gruppo di lavoro II fornisce una comprensione avanzata della relazione tra gli impatti dei cambiamenti climatici e i sistemi umani e naturali, avvalendosi della più recente generazione di modelli climatici. Gli autori sottolineano che questi sistemi sono più vulnerabili di quanto precedentemente compreso e che gli impatti materiali dei cambiamenti climatici si sono già verificati, con un impatto sproporzionato sulle “persone e sui sistemi più vulnerabili”.

Il Gruppo di lavoro II afferma che gli eventi meteorologici estremi sono diventati più frequenti e gravi, e le perdite e i danni derivanti da questi eventi sono aumentati in modo significativo. La scienza del clima, osserva il rapporto, è ora sufficientemente avanzata per identificare il contributo sostanziale del cambiamento climatico a questa tendenza (a prescindere da altri fattori, come la crescita dello stock di capitale esposto o la variabilità meteorologica naturale) su scala globale e regionale. Alcuni dei numerosi impatti osservati a livello globale evidenziati dal Gruppo di lavoro II includono:

  • Circa 3,3-3,6 miliardi di persone vivono in contesti altamente vulnerabili ai cambiamenti climatici. In tutte le regioni, gli eventi di calore estremo hanno causato mortalità e morbilità umana.
  • L’aumento della frequenza e dell’intensità degli eventi estremi, come parte del cambiamento climatico generale, ha ridotto la sicurezza alimentare e idrica.
  • Centinaia di perdite di specie a livello locale sono state causate dall’aumento dell’entità degli estremi di calore, oltre che da eventi di mortalità di massa sulla terraferma e nell’oceano e dalla perdita di foreste di kelp.


Il rapporto conclude che l’aumento degli estremi climatici e meteorologici ha portato ad alcuni impatti che sono irreversibili.

Azioni a breve termine determinano il tasso di cambiamento climatico e i rischi futuri associati

Il Gruppo di lavoro II afferma che per arrestare il riscaldamento è necessario raggiungere emissioni nette pari a zero e che ciò richiederà tempo, anche in scenari di mitigazione aggressivi, con conseguenti rischi inevitabili nel breve termine. Tuttavia, osserva il rapporto, le perdite e i danni previsti si ridurrebbero in modo sostanziale se le azioni a breve termine limitassero il riscaldamento globale a 1,5°C (al di sopra del livello preindustriale). Le azioni di mitigazione e adattamento a breve termine determinano il tasso di cambiamento climatico e i rischi associati. Tenendo conto di ciò, il rapporto suggerisce che la mitigazione e l’adattamento devono essere priorità simultanee.

L’adattamento è necessario, ma sarà limitato da limiti “leggeri” e “duri”

Il Gruppo di lavoro II osserva che le prospettive di sviluppo resiliente al clima sono già difficili agli attuali livelli di riscaldamento globale e che tale sviluppo “sarà ulteriormente limitato se i livelli di riscaldamento globale supereranno 1,5⁰C (alta confidenza) e non sarà possibile in alcune regioni e sottoregioni se il livello di riscaldamento globale supererà i 2⁰C”. Il rapporto identifica inoltre due tipi di limiti all’adattamento: “limite di adattamento duro”, quando nessuna somma di denaro o tecnologia può risolvere il problema, e “limite di adattamento morbido”, che significa che la tecnologia o l’intervento politico richiesto sarà troppo costoso per essere realisticamente attuato. I limiti rigidi includono cambiamenti irreversibili e su larga scala al sistema Terra o alle funzioni dell’ecosistema (ad esempio, la perdita dei ghiacciai che alimentano i principali sistemi idrici interni). I limiti morbidi comprendono i cambiamenti della climatologia locale. Il Gruppo di lavoro II osserva, ad esempio, che a 2⁰C si prevede che alcune colture di base possano raggiungere limiti di adattamento morbidi ai cambiamenti di temperatura e precipitazioni nei tropici, che ne renderanno proibitiva o costosa la coltivazione.

Le opportunità per evitare le conseguenze peggiori è “breve e si sta rapidamente chiudendo”

Il Gruppo di lavoro II sottolinea che i cambiamenti climatici comporteranno numerosi rischi per i sistemi naturali e umani, il cui impatto dipende dal livello di riscaldamento globale. Il rapporto evidenzia il seguente elenco (non esaustivo) di rischi che si possono prevedere (a seconda del livello di riscaldamento futuro):

  • A livello globale, l’esposizione della popolazione alle ondate di calore continuerà ad aumentare con l’ulteriore riscaldamento, con forti differenze geografiche nella mortalità legata al caldo senza ulteriori adattamenti.
  • L’aumento della frequenza, dell’intensità e della gravità di siccità, inondazioni e ondate di calore e il continuo innalzamento del livello del mare aumenteranno i rischi per la sicurezza alimentare.
  • Negli ecosistemi terrestri, il 3-14% delle decine di migliaia di specie valutate a livello globale saranno probabilmente ad altissimo rischio di estinzione a livelli di riscaldamento globale di 1,5°C, con un aumento fino al 3-18% a 2°C.

Il Gruppo di lavoro II conclude la Sintesi per i responsabili politici con una chiara affermazione: “Le prove scientifiche cumulative sono inequivocabili: Il cambiamento climatico è una minaccia per il benessere umano e la salute del pianeta. Ogni ulteriore ritardo nell’azione globale anticipata e concertata sull’adattamento e la mitigazione perderà una breve e rapida finestra di opportunità per assicurare un futuro vivibile e sostenibile per tutti”.

Gli strumenti per valutare accuratamente le implicazioni economiche dei rischi fisici mancano di coerenza e possono sottostimare gli impatti

Contrariamente all’accuratezza dei modelli di scienze fisiche descritta nella Conclusione chiave n. 1, il rapporto del Gruppo di lavoro II indica che i modelli economici per tradurre i rischi climatici in impatti economici, danni e perdite, sono ancora nascenti e producono un’ampia gamma di risultati. Gli autori affermano che gli impatti economici aggregati globali potrebbero essere più elevati rispetto alle stime precedenti, con significative variazioni regionali. Inoltre, affermano con elevata fiducia che i danni economici aggregati globali probabilmente aumenteranno in modo non lineare con i livelli di riscaldamento globale.

Il rapporto osserva che questa ampia gamma di risultati è dovuta in gran parte all’elevata sensibilità alla scelta del modello statistico e ad altri input specifici (come il tasso di sconto), nonché all’incapacità generale di tenere conto di molti degli impatti climatici più sostanziali, complessi e sistemici. Per questo motivo, gli autori concludono che i rischi economici (a) potrebbero essere più alti del previsto e (b) devono essere rivalutati regolarmente man mano che le prove e i metodi di misurazione continuano a svilupparsi.

Contenuto ispirato a https://www.mckinsey.com/capabilities/sustainability/our-insights/sustainability-blog/ipccs-report-on-climate-change-impacts-adaptation-and-vulnerability-what-business-leaders-should-know