Dicembre 3, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Costruire imprese verdi per accelerare la riduzione dell’impatto ambientale

albero in primo piano

I tentativi di passare a un percorso di 1,5° dipendono dalla nostra capacità collettiva di sviluppare nuove imprese verdi e di farlo rapidamente. Ma cosa serve esattamente per farlo?

Questa domanda è stata al centro del recente Green Business Building Global Summit di McKinsey a Stoccolma. Più di 350 senior leader di attori cruciali dello spazio verde – tra cui aziende con ambizioni di crescita verde, start-up green-tech e investitori leader nel campo della sostenibilità – si sono riuniti per due giorni di discussioni sull’imperativo dell’iperscala, su come ridurre il costo delle tecnologie pulite e su come assicurarsi i talenti necessari e stabilire un modello operativo per una scalabilità ultraveloce.
Queste discussioni hanno rivelato quanto velocemente e in che misura dobbiamo scalare la tecnologia fisica per risolvere l’equazione “zero netto”. Le spese in conto capitale dovranno raggiungere livelli storici, superando i 276.000 miliardi di dollari in settori quali i trasporti, l’energia e gli edifici, un’opportunità che non si vedeva dalla Seconda Guerra Mondiale. Alla luce di questa realtà, le nostre conversazioni suggeriscono la necessità di una nuova formula per la costruzione di aziende verdi.

Scalare la tecnologia climatica alla velocità del digitale

Le forze stanno convergendo per creare un’agenda per l’azzeramento netto che ricorda la velocità di esecuzione dell’economia digitale. Infatti, mentre la scalabilità delle tecnologie sostenibili si è storicamente protratta per molti anni attenti, ora siamo in un momento che richiede l’iperscalabilità delle tecnologie. Questa comunità ha bisogno di costruire non solo unicorni, ma anche decacorni (aziende unicorno con un valore di almeno 10 miliardi di dollari) – e molti di loro. Il team McKinsey Net-Zero Transition suggerisce che vorremmo vedere da 200 a 300 decacorni verdi entro il 2030.

Lo slancio per l’iperscaling proviene da ogni direzione, comprese le normative, l’attivismo degli investitori e la domanda dei consumatori. È probabile che queste forze spingano le aziende ad adottare materiali più puliti, come l’acciaio a basse emissioni, molto più rapidamente di quanto abbiano fatto storicamente. “La domanda di materiali verdi non crescerà del 20% all’anno, ma di 20 [volte]”, ha dichiarato Harald Mix, cofondatore di Altor Equity Partners AB. Alcuni prodotti sostenibili stanno già registrando un premio di prezzo. Ad esempio, il polietilene tereftalato (PET) riciclato, la plastica più comunemente usata per le bottiglie di bevande, sta registrando un premio di prezzo medio di 300 dollari per tonnellata metrica rispetto al PET vergine.2 Inoltre, alcune tecnologie verdi devono essere prodotte su larga scala per competere sul prezzo, il che potrebbe spingere le nuove imprese verdi a scalare molto rapidamente.

“Esiste una grande opportunità per coloro che sono bravi a scalare per vincere e creare una piattaforma”, ha dichiarato Tomas Nauclér, senior partner di McKinsey e leader globale di McKinsey Sustainability. La nostra analisi mostra che, entro il 2030, la crescente domanda di prodotti a zero emissioni potrebbe generare oltre 12.000 miliardi di dollari di vendite all’anno in 11 bacini di valore ad alto potenziale.

Adottare una nuova formula per costruire e scalare le imprese

Per costruire e scalare al ritmo necessario per raggiungere gli obiettivi climatici – e catturare parte dell’immenso valore che vi si trova – le imprese verdi devono adottare una nuova formula. Le seguenti azioni, che si evolveranno nel tempo, possono aiutare i primi a fare progressi:

Definire ambizioni assurde. Riuscire a costruire aziende verdi al ritmo e nella misura necessaria per raggiungere le emissioni nette zero richiederà un’ambizione assurda. Le esigenze di scala sono enormi. Storicamente, il solare è stato scalato di circa 12 volte e l’eolico e il solare maturi di quattro-sette volte. Negli anni che precedono il 2030, tuttavia, la scalabilità delle tecnologie di prima adozione, dimostrate e precommerciali, come le batterie, l’idrogeno verde e l’eliminazione del carbonio, dovrà raggiungere le 150 volte. Si pensi alle ambizioni dello sviluppatore di batterie Northvolt, che mira a passare da 16 gigawattora (GWh) a 180 GWh entro il 2026 e a 250 GWh entro il 2030. “Il potenziale va ben oltre la vostra immaginazione”, ha dichiarato Gabriel Nebreda, amministratore delegato di EDP Solar. “Qualunque sia la vostra ambizione, la realtà sarà più grande. Quindi fissate le vostre ambizioni molto, molto in alto”.

Assicuratevi un vantaggio in termini di costi identificando un punto di rottura di scala per ogni nuova tecnologia. “Si tratta di rendere le tecnologie economiche”, ha affermato Nauclér. In altre parole, bisogna individuare il punto di rottura della scala per la competitività dei costi, in modo da raggiungere la redditività commerciale il più rapidamente possibile. Ad esempio, si prevede che i costi dell’idrogeno verde scenderanno del 60% entro il 2030. Questo punto di rottura tra idrogeno grigio e verde richiederà circa 65 GW di capacità di elettrolizzatore in scala.

Acquisire la domanda vincolata prima di scalare. Questo è un buon modo per risolvere il lato commerciale del rischio di investimento. I costruttori di imprese verdi possono anche invitare i clienti a investire in anticipo nell’attività.

Costruire la capacità con una scalata parallela. I costruttori di imprese verdi potrebbero voler sviluppare uno standard replicabile per la produzione basato sulla prima implementazione aziendale, da utilizzare per avviare nuove ondate di crescita prima che la prima sia completata. Questo li aiuterà a muoversi rapidamente e a raggiungere gli obiettivi di scalabilità. “Sarà terribilmente impegnativo”, ha detto Nauclér, “ma sarà terribilmente importante costruire questa capacità”.

Creare in modo proattivo ecosistemi aziendali. Questo torna allo scopo principale del Green Business Building Global Summit: riunire grandi menti. I costruttori di imprese verdi possono condurre studi di fattibilità congiunti o progetti pilota dimostrativi con gli attori delle loro catene del valore per aiutare a coordinare infrastrutture e investimenti. Le coalizioni e i consorzi esistenti, come l’Hydrogen Council e il nuovo Long Duration Energy Storage (LDES) Council, possono fungere da modello per il funzionamento di questa iniziativa; in effetti, il LDES Council si è riunito al summit.

Leader nelle operazioni sostenibili. I costruttori di imprese verdi di successo si pongono obiettivi ambiziosi, innovano e stringono partnership per ridurre al minimo l’impatto ambientale delle loro attività, comprese le emissioni di carbonio.

Dedicare risorse al reclutamento fin dalle prime fasi del processo. Scoprite quali competenze specifiche sono necessarie per raggiungere gli obiettivi aziendali e cercatele, perché i talenti in queste aree potrebbero essere scarsi. La creazione di un marchio e le competenze operative potrebbero essere utili quando le imprese verdi cercano di scalare, insieme a una profonda conoscenza dei clienti e alla capacità di esplorare partnership e strutture di finanziamento. Northvolt è un esempio di azienda che è riuscita ad assicurarsi i talenti, avendo assunto rappresentanti di 110 nazionalità per lavorare alla costruzione delle batterie.

Assicurarsi finanziamenti a basso costo. I costruttori di imprese verdi a volte faticano a trovare finanziamenti competitivi. I leader di successo sono in grado di raccogliere capitale proprio e di fare leva sul debito al livello più competitivo.

Non esiste una combinazione “giusta” di questi fattori e la maggior parte degli attori esistenti ha combinato diversi di questi elementi. Sono stati in grado di trarre vantaggio dalle condizioni di mercato grazie a un’ambizione che ha cambiato le carte in tavola e che alla fine li ha portati a iperscalare con successo, a costruire nuovi mercati o a concentrarsi su innovazioni rivoluzionarie.

Contenuto ispirato a https://www.mckinsey.com/capabilities/sustainability/our-insights/sustainability-blog/building-green-businesses-to-speed-the-transition-to-net-zero