Settembre 25, 2022

Adicons

Per le tue curiosità

Cos’è l’infrastruttura flessibile? (E perché ne abbiamo bisogno di più)

infrastruttura

Quando la pandemia ha colpito, la maggior parte degli aeroporti internazionali ha dovuto affrontare un problema simile: i loro grandi e spaziosi terminal erano improvvisamente vuoti. Mentre i passeggeri attraversavano i corridoi piastrellati, le unità di aria condizionata li mantenevano freschi mentre gli addetti alle pulizie pulivano intorno a loro. Dal punto di vista dell’esperienza dei passeggeri, non era cambiato molto. Forse il duty free era chiuso, ma a parte questo, lo spazio in cui si viaggiava era rimasto lo stesso.

Dal punto di vista della gestione delle risorse, questa è una sfida seria. Riscaldare e raffreddare uno spazio aperto gigantesco come un terminal aeroportuale è costoso. Quando questi spazi aperti sono progettati per decine di migliaia di persone, i rapporti hanno un senso. Quando arrivano solo poche centinaia di persone, improvvisamente il vostro terminal aeroportuale non è molto efficiente. Gli spazi enormi sono ottimi quando l’aeroporto è pieno. Quando non lo è, diventano un peso.

Quando l’infrastruttura non può adattarsi al cambiamento, possiamo definirla inflessibile o a scopo unico. E questo tipo di infrastruttura è tutto intorno a noi. La stessa sfida pandemica ha colpito le autostrade urbane e interurbane che erano quasi silenziose e spettrali e non erano in grado di adempiere al loro unico scopo, un percorso per i veicoli da A a B, ma dovevano comunque essere mantenute, pulite e mantenute sicure.

Cos’è l’infrastruttura “flessibile”?

Un’infrastruttura inflessibile è statica. Non può cambiare. L’infrastruttura flessibile, d’altra parte, è un’infrastruttura che può adattarsi a eventi a bassa probabilità e ad alto impatto come una pandemia, adattandosi al cambiamento della domanda o fornendo opzioni alternative di utilizzo.

Immaginate un terminal aeroportuale a forma di mano, con un corridoio che porta a cinque diversi corridoi. Ognuno di questi corridoi potrebbe avere 4 o 5 ponti aerei collegati. In questo design, quando non si ha più bisogno dell’80% della capacità del terminal (come adesso), si può chiudere l’80% dello spazio, risparmiando sul calore, l’elettricità e altri servizi necessari per mantenere l’edificio.

In questo esempio, progettare la flessibilità nel terminal dell’aeroporto fin dall’inizio gli permette di mantenere la sua proposta di valore. Questo non è il design perfetto di un terminal, ma un esercizio per farci pensare a come un’infrastruttura flessibile può aiutarci ad adattarci in momenti come quello che stiamo vivendo ora. Man mano che il flusso di passeggeri diminuisce, la spesa per le operazioni (opex) dovrebbe essere in grado di corrispondere.

Pensate alla vostra casa. Quando entri accendi la luce del corridoio. Quando esci dal corridoio spegni quella luce e accendi la luce del soggiorno. Decidi di cucinare qualcosa e accendi il forno per riscaldarlo. Cuoci il tuo cibo, spegni il forno e accendi la TV. Fa freddo, quindi chiudi la porta e accendi il riscaldamento per quell’unica stanza. Questa è flessibilità. La casa inflessibile accende le luci, la TV, il forno e il riscaldamento tutti allo stesso tempo, che ne abbiate bisogno o meno. I costi operativi della tua casa sono saliti alle stelle.

Usare i dati per progettare la flessibilità

Ci sono diversi gradi di flessibilità che puoi progettare nella tua infrastruttura. E non si tratta solo della forma dell’edificio, ma anche dei servizi. Nell’esempio dell’aeroporto, potrebbe essere l’area di vendita al dettaglio o il sistema dei bagagli. Per una strada a pedaggio, potrebbe essere dare spazio extra a veicoli specifici in certi momenti della giornata. Una corsia in più per il trasporto pubblico al mattino, più spazio per i veicoli commerciali durante il giorno, per esempio.

Quando si progetta la flessibilità nelle infrastrutture, però, bisogna essere consapevoli dei bisogni della popolazione locale. Certe popolazioni hanno certe esigenze. Ci sono differenze culturali e abitudini anche all’interno di regioni diverse dello stesso paese.

Per aiutare a progettare la flessibilità nelle infrastrutture, usiamo qualcosa chiamato gemello digitale. Il gemello digitale può essere un set di dati raccolti che contiene informazioni sul tipo di veicolo in una specifica ora del giorno. Si possono poi usare questi dati per simulare, tra le altre cose, cosa accadrebbe sull’autostrada se si trasformasse una corsia per tutti gli usi in una corsia per veicoli ad alta occupazione (HOV).

Il gemello digitale può anche essere molto più visivo; uno spazio 3D che permette di giudicare l’aspetto di un pezzo di infrastruttura. I gemelli digitali 3D permettono di condividere i progetti con le comunità locali, il che dà loro la possibilità di fornire un feedback inestimabile. Questo feedback può poi essere inserito nel gemello digitale, analizzato e perfezionato.

È importante bilanciare tutto

L’infrastruttura flessibile è un’infrastruttura che può adattarsi al cambiamento ed essere più redditizia nel tempo. È un’infrastruttura in cui la flessibilità è stata progettata nel tessuto fin dall’inizio. Ma la realtà è che il 100% di flessibilità non è possibile. La strada a pedaggio perfetta non esiste. I comportamenti degli utenti dettano cosa sia un’infrastruttura perfetta, e i comportamenti degli utenti variano in tutto il mondo.

Ma la comprensione del comportamento degli utenti attraverso l’uso di gemelli digitali e il feedback dei clienti permette di trovare un equilibrio tra oneri, spese in conto capitale e flessibilità, creando così l’infrastruttura più flessibile per quel tempo e luogo.

L’infrastruttura flessibile come principio ci permette di fare un futuro più sostenibile per le infrastrutture.

Contenuto liberamente ispirato da https://blog.ferrovial.com/en/2021/09/what-is-flexible-infrastructure/