Pignoramento presso terzi.Cosa posso fare?

Area dedicata ai rapporti tra utenza e banca IFIS/Credifamiglia.
Messaggio
Autore
felluccio

Utente
Messaggi: 74
Iscritto il: 18 feb 2013, 14:04

Pignoramento presso terzi.Cosa posso fare?

#1 Messaggio da leggere da felluccio » 12 set 2017, 10:31

Buongiorno a voi,
come sempre mi rivolgo come disperato.

Ho ricevuto "l'atto di pignoramento presso terzi" da parte della Banca IFIS per un prestito Findomestic che a metà circa del finanziamento non ho potuto più pagare.

Attualmente il mio stipendio lordo annuo dichiarato dall'azienda è di 28.000 pari a 20.000 euro netti su 14 mensilità (€ 1428,00)
Sul mio cedolino poi ho due cessioni volontarie di 275,00 € e di 273,00.
Ho 3 figli 2 dei quali vivono con la mia ex moglie a cui passo in totale 400,00 di assegno perequativo.

Tempo fa ho avuto un tentativo di pignoramento da parte di Deutsche Bank andato a male perchè
il giudice del Tribunale di Torino ha stabilito che le somme accantonate dovevano essere assegnate al netto delle due cessioni e dell'assegno di mantenimento che verso alla mia ex moglie.
Cosi la mia azienda mi ha restituito quanto accantonato in 10 mesi di attesa prima della sentenza.
La somma che aveva accantonato era di 198,00 euro secondo me eccessiva.

Quello che vi chiedo di sapere quanto possono pignorarmi allo stato attuale?
Posso sulla base della sentenza precedente evitare che la mia azienda accantoni fino alla data del 11/09/2018 l'importo ? E se si come posso pormi nei confronti di essa?

Sono ormai rassegnato a passare 12 mesi di sofferenze perchè già il mio stipendio netto diventa di (1428-275-273) di € 880 euro di cui altri 400 ai miei due figli totale 480 con i quali devo far vivere l'altra mia figlia minore di 3 anni e la mia compagna purtroppo al momento senza lavoro.

Datemi qualche speranza....

Grazie a tutti voi.

Avatar utente
lukeart70

Esperti
Messaggi: 9660
Iscritto il: 13 lug 2011, 17:24

Re: Pignoramento presso terzi.Cosa posso fare?

#2 Messaggio da leggere da lukeart70 » 12 set 2017, 13:10

Ciao bentrovato
Io non escludo che il giudice decida la stessa cosa per Ifis come ha fatto precedentemente con l'atro creditore che alla fine è andato a vuoto.
Sicuramente ci sarà l'accantonamento iniziale.
Per il quinto viene considerato il totale escludendo il mantenimento tenendo presente che pignoramento e cessioni non possono superare la metà. Effettivamente la tua azienda in passato ti ha trattenuto il quinto non considerando il mantenimento. Ma questa voce è stata decisa da un giudice? :roll:
-----Bis peccare in bello non licet-----

felluccio

Utente
Messaggi: 74
Iscritto il: 18 feb 2013, 14:04

Re: Pignoramento presso terzi.Cosa posso fare?

#3 Messaggio da leggere da felluccio » 12 set 2017, 16:20

Quale voce intendi?
L'assegno perequativo di 400 euro è stato deciso all'atto del divorzio.
Mentre il giudice che si è occupato del pignoramento precedente ha stabilito di versare al creditore la somma eccedente al netto dell'assegno, delle cessioni e del minimo vitale.

Avatar utente
cagliostro49

Esperti
Messaggi: 24057
Iscritto il: 23 ott 2010, 21:03

Re: Pignoramento presso terzi.Cosa posso fare?

#4 Messaggio da leggere da cagliostro49 » 12 set 2017, 18:02

FELLUCCIO
Su uno stipendio di 1428 euro ti stanno già trattenendo 548 euro del "doppio quinto". In più,paghi 400 euro di alimenti alla tua ex moglie e siamo ad un totale di 950 euro circa,cioè quasi 300 euro oltre la soglia del 50% dello stipendio pignorabile ! Questo significa che (quando sarà il momento) bisogna documentare legalmente l'esborso mensile di questi 400 euro perchè se le due cessioni risultano sul cedolino quindi obbligatoriamente valutate, questi 400 euro non ci sono,ma devono èssere contabilizzati !

Documentare legalmente significa esibire al Giudice una sentenza legale,un accordo consensuale siglato dall'avvocato,un estratto conto bancario,degli assegni etc. insomma tutto ciò che possa documentare al Giudice che tu paghi regolarmente (e doverosamente) questi 400 euro ! A questo punto il Giudice,anche il più carognone,dovrà rendersi conto che la situazione è critica. Quindi,nell'ambito della sua discrezionalità,potrebbe optare per diverse soluzioni.

Potrebbe regolarsi come il precedente di cui hai raccontato e rispondere picche al creditore,ma potrebbe anche ""congelare"" una delle due cessioni per fare posto ad un pignoramento seppur piccolo. Altra opzione sarebbe quella di sottrarre dalla metà dello stipendio le due cessioni e pignorarti comunque 160 euro come la legge impone in presenza delle cessioni. E saremmo esattamente al 50% dello stipendio. Perciò è basilare che i 400 euro vengano valutati. L'unica certezza è non è possible pignorare più della metà del reddito. Vero è che le due cessioni èsulano dal pignoramento,ma è altrettanto vero che quei 548 euro te li trattengono e quindi non sono nella tua disponibilità,cioè il tuo stipendio si riduce a 880 euro a cui bisogna comunque sottrarre (allo stesso modo delle cessioni) altri 400. QUindi quando sarà il momento spero solo che tu trovi un Giudice con gli attributi giusti e che sia anche clemente e comprensivo.

In ogni caso tienici informati perchè è una situazione al limite e quindi una eventuale sentenza in merito interessa tutti !
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO E' LA RIBELLIONE !

felluccio

Utente
Messaggi: 74
Iscritto il: 18 feb 2013, 14:04

Re: Pignoramento presso terzi.Cosa posso fare?

#5 Messaggio da leggere da felluccio » 13 set 2017, 22:56

Posso chiedervi cosa significa la formula:
HO INTIMATO
ai sensi dell'543 II comma c.p.c alla XXXXX in persona del legale rappresentante pro tempore, di non disporre delle somme pignorate senza ordine del Giudice, avvertendo che in difetto verranno applicate le sanzioni di legge.

Io ho mandato una mail al capo del personale dove appellandomi alla sentenza precedente glil ho reso noto che le due cessioni volontarie del quinto e dell'importo dell'assegno di mantenimento per i figli supererebbero l'importo del minimo vitale per legge sperando che questo li possa fare desistere dall'accantonamento per un anno. Purtroppo ho seri dubbi visto che la mia è una grossa azienda ed ha un ufficio legale con i contro.

ps. non ho trovato da nessuna parte la formula del "Provvisoriamente esecutivo"

Avatar utente
cagliostro49

Esperti
Messaggi: 24057
Iscritto il: 23 ott 2010, 21:03

Re: Pignoramento presso terzi.Cosa posso fare?

#6 Messaggio da leggere da cagliostro49 » 14 set 2017, 11:01

felluccio ha scritto:
13 set 2017, 22:56
Posso chiedervi cosa significa la formula:
HO INTIMATO
ai sensi dell'543 II comma c.p.c alla XXXXX in persona del legale rappresentante pro tempore, di non disporre delle somme pignorate senza ordine del Giudice, avvertendo che in difetto verranno applicate le sanzioni di legge.

Formula standard del pignoramento c/o terzi ! In pratica è l''intimazione diretta al <terzo> che è coinvolto nella procedura solo per consentire il pignoramento delle competenze relative,le quali ovviamente,non devono èssere movimentate all'oscuro del Giudice.

Io ho mandato una mail al capo del personale dove appellandomi alla sentenza precedente glil ho reso noto che le due cessioni volontarie del quinto e dell'importo dell'assegno di mantenimento per i figli supererebbero l'importo del minimo vitale per legge sperando che questo li possa fare desistere dall'accantonamento per un anno. Purtroppo ho seri dubbi visto che la mia è una grossa azienda ed ha un ufficio legale con i contro.

Hanno un ufficio legale con i <<controcaxxi> ? Buon per te ! Vediamo che ti rispondono......

ps. non ho trovato da nessuna parte la formula del "Provvisoriamente esecutivo"
Meglio così,anche perchè non c'era motivo di chiederla.
LA NOBILTA' DELLO SCHIAVO E' LA RIBELLIONE !

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite